Patrick Zaki cittadino onorario di Milano. Un tributo a chi nel mondo si batte per i diritti umani

Patrick Zaki cittadino onorario di Milano. “Un tributo a chi nel mondo si batte per i diritti umani”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Milano darà la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki, il ricercatore egiziano di 27 anni detenuto in un carcere in Egitto da otto mesi. Un tributo in nome dei diritti deciso oggi dal Consiglio comunale.
Il voto nell’aula di Palazzo Marino è nato da un’iniziativa del Pd, con un ordine del giorno presentato dal consigliere comunale Alessandro Giungi. “Il conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki, oltre a essere un importante attestato di vicinanza a un giovane ricercatore dell’Università di Bologna –  si legge nel documento – impegnato in importanti iniziative a favore dei diritti umani, è anche un forte segnale di solidarietà e vicinanza della città di Milano nei confronti di tutti coloro che, in molte Nazioni con governi dittatoriali e antidemocratici, vengono ingiustamente detenuti e condannati in quanto anche solo semplicemente sospettati di far parte di associazioni e movimenti che si battono per i diritti civili e politici”.
Il conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki “è una scelta politica per dare un forte segnale di vicinanza a lui e alla sua famiglia, per tenere alta l’attenzione pubblica su una vicenda insopportabile- ha commentato il capogruppo del Pd, Filippo Barberis -,  che deve trovare una soluzione positiva per rispetto di Zaki, del nostro Paese e di chiunque si batta per la difesa dei diritti umani”.



Go to Source