Pd Cuperlo lancia area politica radicalita per ricostruire

Pd: Cuperlo lancia area politica, ‘radicalità per ricostruire’

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Condividi:

12 dicembre 2020

Roma, 12 dic (Adnkronos) – “Quella che arriverà dopo la pandemia sarà la più grande opera di ricostruzione dal secondo dopoguerra. Ricostruzione del tessuto sociale, dell’economia e del sistema Paese, in un clima che vede rabbia e sfiducia crescere nelle fasce di popolazione più deboli. Le persone sono stanche, esasperate da una crisi la cui soluzione arriverà ben oltre il vaccino anti Covid. In questa situazione spetta al Pd, e alle forze democratiche, mandare un messaggio chiaro sulla direzione da prendere e immaginare percorsi che combattendo diseguaglianza e ingiustizia sociale facciano da argine alle tentazioni populiste”. Gianni Cuperlo parte da qui per lanciare, domani, la sua nuova area politica, un progetto che in questi mesi ha preso corpo nei territori da cui è partita la richiesta di un nuovo punto di riferimento nel Pd ma che sappia parlare anche a chi è fuori dal Pd.
“Perché il messaggio risulti credibile- spiega Cuperlo – però, deve poggiare su un campo progressista largo e su una sinistra radicale nei principi e capace di aggregare, nel pluralismo delle sensibilità, le componenti innovative della società italiana”. Una nuova corrente del Pd? “No, è un campo aperto dove speriamo possiamo ritrovarsi in tanti per discutere della sfida che ci spetta nei prossimi mesi e nei prossimi anni per rimettere in piedi il Paese”.
Le radici dell’area di Cuperlo affondano a sinistra, nel corposo documento programmatico presentato lo scorso luglio, ‘Radicalità per costruire’, che voleva essere un contributo al dibattito interno ed esterno del Pd. Un documento che il dirigente dem ha presentato in giro nel Paese e in molte iniziative via web riscontrando un grande consenso nel popolo di sinistra e non solo. L’evento si svolgerà domani, domenica 13 dicembre, dalle 10 alle 13 sulla pagina facebook radicalitaricostruire e sul sito di Radio Radicale all’indirizzo www.radioradicale.it.



Go to Source