Pestaggio nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, il Pd insorge: “Violenze orribili, la ministra Cartabia venga in Aula a spiegare”

Pubblicità
Pubblicità

Il Pd chiede che la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, riferisca in Parlamento sulla vicenda di Santa Maria Capua Vetere. Lo afferma Piero De Luca, vicepresidente del gruppo Dem alla Camera. “Siamo profondamente indignati per le notizie che stanno emergendo sulle violenze degli agenti della polizia penitenziaria perpetrate nei confronti dei detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere – dice De Luca – Sono inaccettabili e vergognose in un Paese civile. Come appena rilevato in Aula dal collega Emanuele Fiano, il gruppo Pd chiede che la ministra Cartabia riferisca in Parlamento su quanto accaduto”.

“Orribile mattanza”: il video shock delle violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

“Queste azioni – prosegue – non hanno niente a che vedere con l’organizzazione e la gestione seria e dignitosa di una comunità carceraria. Vanno dunque condannate e stigmatizzate con forza, senza intaccare in alcun modo il grande rispetto che tutti abbiamo per la divisa e le forze dell’ordine in generale. È proprio a tutela degli agenti che ogni giorno onorano con serietà e responsabilità il proprio impegno, che questi comportamenti individuali vergognosi vanno fortemente e nettamente sanzionati perchè indegni di un Paese come l’Italia”.

Fiano stamani aveva detto in Aula: “Sono violenze che ci fanno inorridire, violenze non lecite in un Paese democratico come il nostro, con detenuti picchiati e umiliati senza motivo. Le violenze su alcuni detenuti del carcere di Santa Maria Capua a Vetere indignano profondamente la nostra coscienza civile e pretendiamo giustizia”. Il deputato del Partito democratico ha chiesto che “la ministra della Giustizia Cartabia venga in Aula a riferire su quanto è accaduto, con una precisazione: vorremmo sapere se nessuno dei livelli superiori di quegli agenti avesse saputo o sapeva”. E a Matteo Salvini che “in questi minuti ha detto che le divise vanno sempre difese, rispondo: non dovete insegnarlo a noi.”

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source