Premier, il messaggio di Guardiola: “Qui nessuno indossa la mascherina”

Pubblicità
Pubblicità

LONDRA – Dopo Klopp anche Pep Guardiola ha inviato forte e chiaro un messaggio per favorire la lotta ai contagi da coronavirus. Il tecnico del Manchester City, ha nei fatti chiesto alle autorità britanniche di imporre l’uso delle mascherine anche all’aperto, ricordando come sia uno degli strumenti consigliati per contrastare la diffusione del virus, soprattutto oggi che il mondo e ovviamente il Regno Unito hanno a che fare con la variante Omicron: “Ciò che più mi stupisce è che giri per le strade, nei centri commercial, vai a comprare un regalo per la famiglia e nessuno indossa la mascherina. Gli scienziati fin dall’inizio hanno detto che il massimo della protezione si ottiene lavandosi spesso le mani e usando le mascherine”. Già nei giorni scorsi, l’allenatore se l’era presa con gli organizzatori del torneo: “Il benessere dei giocatori non importa a nessuno”.

Il Boxing day della Premier perde i pezzi, rinviata per Covid anche Burnley-Everton. Guardiola: “Il benessere dei giocatori non importa a nessuno”

Cento positivi in una settimana

Una misura che può essere fondamentale anche per continuare a mantenere aperti gli stadi e soprattutto non fermare il campionato inglese: tra le squadre della Premier, solo nell’ultima settimana, sono stati registrati circa 100 casi di positività al Covid con tre partite rinviate soltanto nel Boxing day: anche Steven Gerrard, tecnico dell’Aston Villa, non potrà sedersi in panchina nel tradizionale turno post natalizio della Premier: l’ex centrocampista del Liverpool infatti ha ripreso il Covid e salterà oltre ad Aston Villa-Chelsea, anche il viaggio della sua squadra a Leeds in programma martedì. 

Premier League, rinviate due partite del Boxing Day. L’allarme di Henderson: “In pericolo la nostra salute”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source