Previsioni meteo, con Caronte ecco Hot Storm, la storica tempesta di caldo africano

Pubblicità
Pubblicità

E’ iniziata la settimana dell’anticiclone africano Caronte. Caronte, come il guardiano dell’inferno dantesco, ci traghetterà velocemente nel cuore dell’estate con una storica tempesta di caldo infernale: “hot storm”.

Antonio Sanò, fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che il caldo in arrivo sarà intenso, afoso e in alcune città storico. Una di queste sarà Roma. La capitale d’Italia sta già boccheggiando con i 37°C di domenica, ma oggi dovrebbe raggiungere i 40-41°C e addirittura martedì 42-43°C; sarebbe dunque record (visto il precedente di 40°C). “Non a caso pure il Times”, continua Sanò, ‘’mi ha interpellato per chiedere informazioni sugli sviluppi su Roma definendola Infernal City’’. Hot Storm sarà un’autentica tempesta di calore di portata storica, infatti analizzando le carte meteorologiche dei periodi di caldo estremo degli ultimi due decenni, in cui si sono concentrate quasi tutte le più intense ondate di calura in Italia non troviamo riscontri di episodi con l’isoterma +26/+28°C estesa così su tutte le nostre regioni, e più che mai per periodi così lunghi. L’isoterma è una linea che rappresenta la temperatura prevista alla superficie isobarica di 850 hPa, corrispondente a quote intorno a 1550 m in libera atmosfera. Ecco dunque l’eccezionalità che ci fa dire che “hot storm” sarà un’ondata di caldo storica anche in tempi di cambiamenti climatici. Ricordiamo infatti che non è assolutamente normale avere valori oltre i 42-44°C in Italia per così tanti giorni e in così tante città.

Ma vediamo qualche dato termico previsto: fino a mercoledì 19 il caldo aumenterà. Di giorno e all’ombra si potranno toccare i 38-39°C sia sulla Valle Padana, come a Bologna, Ferrara, Rovigo, Mantova, Alessandria e Pavia, sia al Centro come a Firenze e in Umbria (la parte più meridionale). Sul Lazio invece si toccheranno punte di 42-43°C, specie a Roma. Ma il caldo più intenso interesserà le Isole Maggiori e la Puglia. Attesi in Sardegna picchi fino a 47°C sulle zone interne meridionali, come a Decimomannu nel Cagliaritano, in Sicilia 45-46°C come a Siracusa, Agrigento e Catenanuova (Enna) e in Puglia 44-45°C a Foggia. Oltre al caldo intenso si dovranno fare i conti anche con l’elevato tasso di umidità che farà peggiorare le condizioni di disagio fisico. Un disagio che potrebbe mettere a rischio la salute delle persone più fragili come anziani e bambini. Ma se di giorno il clima sarà rovente di notte sarà l’afa a farla da padrona. Con Caronte sono attese notti tropicali, ovvero con temperature che non scenderanno mai sotto i 20-24°C. Attenzione che nelle città più grandi ed urbanizzate il fenomeno del rilascio del calore accumulato da strade ed edifici potrebbe portare ad avere fino ad oltre 30°C fin quasi mezzanotte. Per finire, un accenno anche alle temperature eccezionali dei mari; sulla superficie si misurano già 30°C, un livello tropicale da mar libico.

NEL DETTAGLIO

Lunedì 17. Al nord: sole e caldo intenso dappertutto. Al centro: sole e super caldo, picchi di 40°C, di più in Sardegna. Al sud: caldo intenso.

Martedì 18. Al nord: giornata caldissima e afosa. Al centro: caldo record sul Lazio, intenso altrove. Al sud: clima incandescente con Caronte.

Mercoledì 19. Al nord: caldo afoso, temporali sulle Alpi, in nottata anche sul Friuli. Al centro: clima rovente e sole. Al sud: clima bollente.

Tendenza: farà sempre più caldo al Sud, arrivano i primi temporali sulle Alpi.

Intervista iLMeteo

L’anticiclone Caronte sta infiammando l’Italia e sembra che nei prossimi giorni possa diventare sempre più potente. Abbiamo chiesto ad Antonio Sanò, fondatore del sito www.iLMeteo.it che cosa succederà in questa settimana. E’ iniziata la settimana dell’anticiclone africano Caronte che, come il guardiano dell’inferno dantesco, ci traghetterà velocemente nel cuore dell’estate con una storica tempesta di caldo infernale: “hot storm”.

Hot Storm? Cosa sarebbe?

Hot Storm sarà un’autentica tempesta di calore di portata storica, infatti analizzando le carte meteorologiche dei periodi di caldo estremo degli ultimi due decenni, in cui si sono concentrate quasi tutte le più intense ondate di calura in Italia non troviamo riscontri di episodi con l’isoterma +26/+28°C estesa così su tutte le nostre regioni, e più che mai per periodi così lunghi. L’isoterma è una linea che rappresenta la temperatura prevista alla superficie isobarica di 850 hPa, corrispondente a quote intorno a 1550 m in libera atmosfera. Ecco dunque l’eccezionalità che ci fa dire che “hot storm” sarà un’ondata di caldo storica anche in tempi di cambiamenti climatici. Ricordiamo infatti che non è assolutamente normale avere valori oltre i 42-44°C in Italia per così tanti giorni e in così tante città.

Vuole dire che si batteranno dei record storici di caldo? In quale città per esempio?

Una su tutte, la più importante: Roma! La capitale d’Italia sta già boccheggiando con i 37°C di domenica, ma oggi dovrebbe raggiungere i 40-41°C e addirittura martedì 42-43°C; sarebbe dunque record (visto il precedente di 40°C). “Non a caso pure il Times”, continua Sanò, ‘’mi ha interpellato per chiedere informazioni sugli sviluppi su Roma definendola Infernal City’’.

Sulle altre città invece quanto farà caldo?

Parecchio. Fino a mercoledì 19 il caldo aumenterà. Di giorno e all’ombra si potranno toccare i 38-39°C sia sulla Valle Padana, come a Bologna, Ferrara, Rovigo, Mantova, Alessandria e Pavia, sia al Centro come a Firenze e in Umbria (la parte più meridionale). Sul Lazio invece si toccheranno punte di 42-43°C, specie a Roma. Ma il caldo più intenso interesserà le Isole Maggiori e la Puglia. Attesi in Sardegna picchi fino a 47°C sulle zone interne meridionali, come a Decimomannu nel Cagliaritano, in Sicilia 45-46°C come a Siracusa, Agrigento e Catenanuova (Enna) e in Puglia 44-45°C a Foggia.

Immagino che nemmeno di notte la situazione andrà meglio, giusto?

Infatti, oltre al caldo intenso si dovranno fare i conti anche con l’elevato tasso di umidità che farà peggiorare le condizioni di disagio fisico. Un disagio che potrebbe mettere a rischio la salute delle persone più fragili come anziani e bambini. Se di giorno il clima sarà rovente di notte sarà l’afa a farla da padrona. Con Caronte sono attese notti tropicali, ovvero con temperature che non scenderanno mai sotto i 20-24°C. Attenzione che nelle città più grandi ed urbanizzate il fenomeno del rilascio del calore accumulato da strade ed edifici potrebbe portare ad avere fino ad oltre 30°C fin quasi mezzanotte.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *