Previsioni meteo, sabato tempestoso e nevoso, poi torna la primavera. Allerta gialla in 7 regioni

Pubblicità
Pubblicità

(iLMeteo.it) – Con l’inizio del nuovo mese il Ciclone del Primo d’Aprile, direttamente dalla Norvegia, ha portato un drastico calo delle temperature e maltempo diffuso. Alcuni lo definiscono ‘beltempo’ perché ha riportato le piogge sul secco Centro-Nord, ma nelle prossime ore la prudenza non ‘dovrà essere mai troppa’. 

Siamo sotto un triplice attacco: fino allo scorso mercoledì in Italia si registravano massime sui 20°C, con un picco di 27°C in Sicilia; ad inizio settimana avevamo 23-25°C anche in Pianura Padana, a Firenze e Roma. Adesso, la neve cade a quote collinari tra Toscana e Lazio, il vento prende la rincorsa per creare cavalloni giganteschi e mareggiate che minacciano le coste occidentali. Un quadro meteorologico molto particolare all’inizio di Aprile, un quadro pericoloso dipinto con i colori troppo accesi di un meteo bizzarro.

Nel dettaglio Mattia Gussoni, meteorologo del sito www.ilmeteo.it, indica che nelle prossime ore l’altezza delle onde potrebbe raggiungere gli 8 metri sul Mar di Sardegna, i 5 metri dal Mar Ligure fino al Basso Tirreno. Il vento soffierà impetuoso da Ovest, di Maestrale sulla Sardegna e di ‘Libeccio Freddo’ sul versante occidentale della nostra penisola: sono attese raffiche di 90 km/h lungo le coste e sui crinali appenninici. Sulla Sardegna orientale i venti di caduta potrebbero essere anche più intensi.

L’obiettivo del maltempo è la fascia compresa tra Sardegna, Lazio ed Abruzzo con 30-40 cm di neve a quote collinari, venti di burrasca e mareggiate, ma anche sul resto del Paese sarà un sabato che ricorderà le prime burrasche di fine Estate ma con connotati invernali, vietato avventurarsi in mare durante questo weekend. Ci saranno altre buone occasioni ad Aprile, probabilmente già il prossimo fine settimana, quello delle Palme, sarà tranquillo e sereno; da martedì 5 tornerà la Primavera su tutta l’Italia e all’orizzonte si intravedono già i primi caldi simil-estivi. Insomma, un meteo altalenante.
 

NEL DETTAGLIO

Sabato 2. Al nord: instabile con rovesci sparsi, più diffusi su Alpi e Prealpi, nevosi oltre i 600 metri. Al centro: maltempo su Sardegna e Tirreniche con neve forte fino ai 300-400 metri. Al sud: maltempo su Campania, Basilicata, Calabria, neve a 700 metri.

Domenica 3. Al nord: tante nubi, spruzzate di neve sui confini alpini. Al centro: qualche pioggia sparso sui settori adriatici e poi in Toscana. Al sud: pioggia, neve e vento su Campania e Calabria settentrionale.

Lunedì 4. Al nord: bel tempo ma più freddo al mattino. Al centro: piovaschi in Sardegna, sole altrove. Al sud: qualche pioggia residua, poi migliora.

Tendenza. il tempo continuerà a rimanere freddo specie al mattino, la prima proiezione per la nuova settimana indica il graduale ritorno della Primavera da martedì.

iLMeteo.it

Allerta gialla in 7 regioni

Per la giornata di oggi il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse e in sette regioni è stata estesa l’allerta gialla. Le temperature sono in calo in tutta la penisola, in particolare in alcune aree del Centro. Precipitazioni intense sono previste sulla Campania meridionale e i settori tirrenici di Basilicata e Calabria settentrionale. Temporali in arrivo anche su Liguria di Levante, Alta Toscana, Lazio centro-meridionale, Sardegna, resto di Campania e Basilicata occidentale, Calabria tirrenica centrale, Alpi di Veneto e Friuli Venezia Giulia, con quantitativi da deboli a moderati.

Collegamenti interrotti con le isole

Collegamenti maritti interrotti nelle Eolie a causa del maltempo. Navi e aliscafi sono bloccati nei porti per il mare forza 5-6. Le isole minori già da 48 ore hanno dovuto fare i conti con diverse corse di linea soppresse. Per tutta la notte sull’arcipelago hanno soffiato forti raffiche di vento provenienti da ponente con mareggiate che hanno investito le coste e le strutture portuali. Nella rada di Lipari, si sono ancorate tre navi cisterna della società Marnavi di Lipari, mentre al porto di Sottomonastero oltre la nave della Siremar, è fermo anche il traghetto della Green Fleet che trasporta rifiuti. Anche domani le previsioni meteo non promettono nulla di buono e le sette isole rischiano di rimanere senza collegamenti marittimi per altre 24 ore.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source