Qui, dove nacque Nostradamus: il lusso e la riservatezza di Saint-Remy-de-Provence

Libero Quotidiano News

Orchidea Colonna
Giornalista, globetrotter e food lover. Sono convinta che ogni viaggio, ogni luogo visitato e osservato, ci renda più ricchi dentro. Da un viaggio si torna sempre diversi e migliori da come si è partiti. Seguitemi e attraverso i miei occhi scoprirete un mondo di inattesa bellezza
Vai al blog

17 agosto 2020

Sto pensando che non sempre il lusso in una struttura alberghiera o in un luogo corrisponde allo sfarzo, all’opulenza e alla grandezza. Il lusso è molto di più. Lo penso perché mi trovo in Provenza e qui il lusso fa rima con discrezione, riservatezza e raffinatezza. L’ideale per passare un Ferragosto lontani dalla calca e coccolati dalla tranquillità. Questa splendida cittadina, patria dei maestri cioccolatieri, va scoperta con calma passeggiando languidamente fra le botteghe artigiane, i viali ombrosi dei platani, le piazzette animate da suonatori di jazz e fontane gorgoglianti. Simbolo di questa filosofia è l’Hotel 5 stelle Le Saint Rémy: un’elegante struttura che gode di una posizione eccezionale nel cuore storico di Saint-Rémy-de-Provence. Qui si respira la storia e tutto è una continua scoperta, anche Leone, il mio inseparabile cane, non smette un attimo d’esplorare ogni angolo di questo luogo meraviglioso. Pensate che in questa cittadina nacque nel 1503 Nostradamus e il grande pittore olandese Vincent van Gogh dipinse qui alcuni capolavori assoluti come la “Notte stellata” ed un celebre autoritratto.

Ma parliamo di un altro capolavoro, l’Hotel Le Saint Rémy: 31 camere e suite immerse in una magnifica residenza del XIX secolo. Una piscina interna e una all’aperto, attrezzata con eleganti doppie sedie a sdraio, sono il luogo perfetto dove rilassarsi. Al mattino ne approfitto per fare una seduta di yoga con il maestro nella piscina interna, il tardo pomeriggio, quando il sole è meno intenso, prendo il sole nella piscina esterna. Le eccellenze di questa perla della Provenza però non finiscono qui: c’è la Spa Maison du Tui Na, filosofia di medicina cinese in Francia, che propone i massaggi più antichi del mondo. I risultati sono stati dimostrati per millenni in Asia e l’efficacia è stata riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità nel 2002. Dopo un’attenta visita con il maestro, esperto di medicina cinese, puoi scoprire le varie corrispondenze di ogni punto del corpo e avere chiavi di lettura alternative, rispetto alla nostra cultura, per risolvere o alleviare patologie di ogni genere. Vi è poi il cibo che è indimenticabile. Lo chef del ristorante interno, Brasserie Chic, invita a condividere la sua visione della cucina con prodotti freschi di mercato con un tocco di originalità e grande gusto per il palato. Un menu elegantemente originale sul tema brasserie. “Bello, delizioso e salutare” è il motto della casa, per una cucina responsabile in tutta semplicità.
Tra le proposte del menu: carciofo “macau” in cremoso e provenzale barigoule, nocciola piemontese; vitello tonnato, vitello e tonno con spezie, capperi e parmigiano; gnocchi con finferli freschi, salsa cremosa, noci pecan; pata negra, pane croccante e salsa di pomodoro ovviamente fatta in casa; foie gras in padella con uva, farro piccolo con agrumi; caviale osciètre servito con blinis e crema di aneto. E non è finita qui, il menù propone anche polpo gallego laccato con agrumi, scaloppina di verdure, succo ridotto di peperoni rossi e coriandolo; cupola di cioccolato freddo, crema leggera con fava tonka e arachidi caramellate. Cosa si può desiderare di più che assaporare queste delizie immersi nella quiete e nel fascino della storia? Ceniamo all’aperto nel giardino dell’hotel con un clima perfetto immersi nel vero cuore di questa pittoresca cittadina. Persino Leone, nonostante abbia appena ricevuto un due di picche da una cagnetta che corteggiava oggi pomeriggio nel centro storico, è rinato: dopo la cena l’ho trovato nella mia suite pimpante e pronto per una passeggiata in questo magico borgo dell’alta Provenza in totale relax. Perché questo è il vero lusso.
www.le-saint-remy.fr; www.france.fr
[email protected]



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi