Quirinale, Fico: “Appello alle forze politiche per unità di intenti”

Pubblicità
Pubblicità

Il futuro di Napoli e la lotta alla camorra devono essere “una questione nazionale”. È l’appello del presidente della Camera Roberto Fico che, a Secondigliano, partecipa all’incontro organizzato nel centro Sandro Pertini dell’associazione Larsec presieduta da Vincenzo Strino con il sindaco Gaetano Manfredi, il procuratore Giovanni Melillo e la giornalista Maddalena Oliva.

“Napoli – dice Fico – può essere una città che guarda forte al futuro, ma questo sarà possibile solo se le istituzioni intraprendereranno insieme un nuovo percorso e stringeranno un nuovo patto fra lo Stato e i cittadini”. Il presidente della Camera si dice d’accordo con il procuratore Giovanni Melillo, che aveva denunciato una “banalizzazione della camorra” e una sua “sottovalutazione” anche nel dibattito politico nazionale. “Sono d’accordo, c’è l’idea di una frammentazione della camorra, come se fosse meno forte. Invece non è così. Dobbiamo avere la camorra come questione nazionale e lavorare non solo per il contenimento, ma per la sua eliminazione”. Sul Quirinale, Fico ribadisce: “Non parlerò mai di nomi, il mio appello alle forze politiche è di cercare un’unità di intenti”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source