Quirinale; Gabrielli: “Belloni è stata una vittima, infastidita dalla vicenda”

Pubblicità
Pubblicità

“Ho seguito in presa diretta tutta questa vicenda ed ho visto in primis come Elisabetta Belloni, da grande servitrice dello Stato, abbia vissuto con molto fastidio e preoccupazione tutta una serie di veicolazioni, incontri che ci dovevano essere quando lei addirittura nemmeno stava a Roma”. È il sottosegretario con delega all’Intelligence, Franco Gabrielli, a raccontare coma la direttrice del Dis (servizi segreti) qualche settimana fa abbia vissuto la sua candidatura – poi saltata – al Quirinale.

Quirinale 2022, l’imbarazzo di Belloni finita nel tritacarne della politica

Quando qualcuno ha parlato di dimissioni di Belloni, ha spiegato Gabrielli intervenuto al programma ‘Porta a Porta’ su Rai 1, “io mi sono affrettato a dire, per intima convinzione, che lei godeva della mia fiducia e di quella del presidente del Consiglio Mario Draghi. Lei è stata una vittima di questa vicenda ed ora bisogna imparare dagli errori, commessi a volte in buona fede e con le migliori intenzioni: alcuni soggetti ed alcune istituzioni devono essere messe al riparo. O hai la certezza che venga eletta oppure si arrecano danni alla persona ed alle istituzioni che bisogna salvaguardare”.

Nei sei giorni di votazione del presidente della Repubblica, i nomi proposti sono stati diversi. Tra questi è finito anche quello della direttrice del Dis, scelta e nominata da Draghi a maggio scorso. Subito era arrivato il no di Italia viva. “Belloni è una personalità di straordinario valore, ma non può fare il Presidente della Repubblica se è capo dei servizi segreti in carica”, aveva commentato Matteo Renzi in quei giorni.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source