“Razzista? No, per il rispetto delle regole. Gli immigrati…”. Mariam, la candidata leghista e nera che la sinistra chiama “prostituta” | Video

Libero Quotidiano News

13 settembre 2020

Si chiama Mariam Cristine Scandroglio ed è la “nemesi” della sinistra italiana, tanto da essersi presa allegramente della “prostituta” sui social. Nata in Costa d’Avorio, cresciuta in Lombardia, napoletana d’adozione, nera di pelle, leghista di fede politica e candidata in Campania. Insomma, una biografia in grado di mandare in cortocircuito ogni radical-chic che si rispetti. Nelle ultime ore è diventato virale un video in cui la 37enne candidata alle regionali del 20 e 21 settembre nelle liste del Carroccio spiega a propria posizione con poche ed efficaci parole. “Sono entrata nella Lega e mi sono subito sentita come in una famiglia. La destra è razzista? Assolutamente no, siamo solo per il rispetto delle regole. E in Europa la destra è l’unica parte politica che combatte davvero contro chi vuole sfruttare l’Africa”. Come rovesciare in pochi secondi anni di propaganda politica e certezze da “bignamino”.

Non a caso lei, africana di nascita, promette di portare avanti la battaglia contro l’immigrazione irregolare: “Sfido chiunque a dirsi d’accordo sulla presenza dei clandestini in Italia – ha detto nei giorni scorsi -. Sfido chiunque a dirsi d’accordo sulle politiche migratorie sciagurate dell’Italia e dell’Unione Europea. C’è un finto buonismo dietro coloro che accettano tutto questo che è vergognoso. Cosa farei io? I clandestini vanno individuati, identificati e vanno avviate le procedure per il rimpatrio. Detto in poche parole è questo che farei”. Un’eresia, per l’Italia dei porti aperti e avanti tutti e per coloro che vedono nel barbaro omicidio del povero Willy Monteiro, di colore come Mariam, l’esempio perfetto non della follia di violenti senza valori ma dell’esaltazione della “destra”. 



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi