Record di controlli (e multe) nel primo giorno dell’estensione dell’obbligo di Green Pass rafforzato

Pubblicità
Pubblicità

Record di controlli ma anche di sanzioni ieri nel primo giorno di entrata in vigore del Super Green Pass allargato alla quasi totalità di attività ma anche ai trasporti. Sono state 274 le sanzioni elevate dalle forze dell’ordine perchè sprovviste della certificazione verde rafforzata adesso richiesta per salire su bus, metropolitane, treni, aerei, navi e per accedere ad alberghi, palestre, piscine, bar e ristoranti anche all’aperto. Ma, come d’altra parte nei giorni precedenti, la maggior parte degli italiani controllati è stata trovata rispettosa delle norme. 

Imponente il dispositivo dei controlli messo in campo dalle prefetture: più di 105.000 le persone fermate a cui è stato richiesto di mostrare la certificazione verde rafforzata. Tante, 452,  anche le multe prese a chi è stato trovato senza mascherina o, sui trasporti, con la chirurgica invece della Ffp2, mentre 12 persone sono state denunciate perchè sorprese in giro positive senza rispettare l’obbligo di isolamento.

A fronte di oltre 11.350 attività commerciali controllate, sono stati 124 i titolari sanzionati per aver omesso i controlli sul Green Pass o per essere stati trovati senza certificazione verde, otto gli esercizi commerciali chiusi.

Nei primi dieci giorni dell’anno le forze di polizia impegnate nelle verifiche del rispetto delle misure anti Covid hanno controllato 931.692 persone, sanzionandone 2.000 per mancato possesso del green pass e 5.860 per mancato uso della mascherina. Secondo i dati diffusi dal Viminale, sempre nel periodo compreso tra l’1 e il 10 gennaio i controlli hanno riguardato anche 103.498 attività od esercizi: 979 i titolari sanzionati, 70 i provvedimenti di chiusura. Le persone denunciate per aver violato il divieto di muoversi dalla propria abitazione in quanto positive o in quarantena sono state 134.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source