Recovery Plan approvato lultimo atto di questo governo Renzi ottiene tutto eppure

Recovery Plan approvato, l’ultimo atto di questo governo: Renzi ottiene tutto, eppure…

Libero Quotidiano News
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

13 gennaio 2021

Drammi politici a parte, questa notte il Consiglio dei ministri ha approvato – con l’astensione di Italia viva – il Recovery Plan. Si tratta del programma per spendere i 209 miliardi di fondi europei, che diventano 310 sfruttando altri finanziamenti Ue. Il testo è suddiviso in sei macroaree di intervento e stanzia 68,9 miliardi per la rivoluzione verde; 46,2 per la digitalizzazione; 32 per le infrastrutture; 28,5 per l’istruzione e la ricerca; 27,6 per inclusione e coesione; 19,7 per la salute. Il documento approvato nel cuore della notte è molto diverso dalla bozza che circolava un mese fa: basti pensare che gli appena 9 miliardi assegnati inizialmente alla sanità, che avevano scontentato non solo Matteo Renzi, ma anche gli altri partiti, sono diventati più del doppio. Inoltre, nel capitolo “Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura”, che da solo vale 46,2 miliardi, 5 miliardi in più vanno alla voce Cultura e Turismo, che sale da 3 a 8.

Per andare incontro alle richieste di Renzi, poi, sono spuntati 6 miliardi  alla voce “valorizzazione del territorio e efficientamento energetico dei comuni”. Cinque miliardi in più sono stati previsti, invece, per l’alta velocità ferroviaria, in particolare nel Mezzogiorno. Anche il capitolo sull’Istruzione e la ricerca è stato rimpolpato: passa dagli iniziali 19 miliardi a 28,5. Cresce di quasi 10 miliardi anche  il capitolo “Inclusione e coesione”, che ora vale 27,6 miliardi. Ridotta, invece, la parte dedicata a bonus e incentivi. Il nuovo testo però non risolve il problema sulla governance, quello su cui era cominciato un mese fa lo scontro con Renzi.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source