Reddito di cittadinanza, sì di Berlusconi: “Giusto, aiuta i poveri”

Pubblicità
Pubblicità

“Per quanto riguarda il Reddito di cittadinanza gli importi che sono finiti a dei furbi che non ne avevano diritto, sono davvero poca cosa rispetto alle situazioni di povertà che il reddito è andato finalmente a contrastare”. Lo dice in un’intervista a Il Tempo Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia. “Si tratta di una misura che aiuta i poveri”, sottolinea il Cavaliere difendendo il sostegno economico mensile introdotto dall’ex premier Conte, fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle e reinserito nell’ultima manovra dal governo Draghi.

“Venti offerte di lavoro, nessun sì”. Così il rifiutatore seriale si tiene il Reddito di cittadinanza

Una posizione, quella del leader di Forza Italia, completamente opposta a quella dei suoi alleati del centrodestra. Salvini e Meloni, infatti, da tempo si battono, così come (nel centrosinistra) il leader di Italia viva Matteo Renzi, per l’abolizione del reddito di cittadinanza. La mossa di Berlusconi appare quindi come un tentativo per avvicinarsi ai 5 Stelle e tendere loro la mano in vista (e nella speranza) di una sua elezione al Quirinale come successore di Mattarella. Un’ipotesi a cui il Movimento finora si è sempre opposto.

Ma il Cavaliere al Colle ci spera e la difesa del reddito di cittadinanza sembra una tattica ben studiata. Proprio parlando di Quirinale, rispetto alla possibile elezione di Draghi il leader di Fi dice: “Qualunque domanda su questo tema è prematura e rispondervi sarebbe irrispettoso, sia verso il Presidente della Repubblica in carica che verso il lavoro dello stesso Draghi”.

Hanno tutti ragione | Nostalgia canaglia, quando la politica sapeva come si elegge un presidente

Infine, Berlusconi ha ricordato che quello attuale è un “governo di emergenza, che abbiamo proposto noi per primi, con due obbiettivi da realizzare: contrastare la pandemia con una campagna vaccinale capillare e rimettere in moto l’economia usando al meglio le risorse del Pnrr”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source