Regeni la procura di Roma chiude linchiesta quattro 007 egiziani verso il processo

Regeni, la procura di Roma chiude l’inchiesta: quattro 007 egiziani verso il processo

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Chiuse le indagini della procura di Roma sulla morte di Giulio Regeni, avvenuta nel 2016 in Egitto. A rischiare il processo quattro 007 egiziani. Agli indagati il procuratore Michele Prestipino e il pm Sergio Colaiocco contestano, a vario titolo, il reato di sequestro di persona pluriaggravato, concorso in lesioni personali e omicidio. Per un quinto agente i pm capitolini hanno chiesto l’archiviazione.
Il retroscena
La mossa della procura che mette in scacco il Cairo: “L’Italia sa e andrà avanti”
di Carlo Bonini 20 Novembre 2020

Il ruolo degli agenti nel sequestro nell’omicidio è stato ricostruito nell’attività di indagine dei carabinieri del Ros e dei poliziotti dello Sco. La chiusura delle indagini arriva a due anni dall’iscrizione sul registro degli indagati.
Regeni, i nuovi testimoni: “Lo abbiamo visto al Cairo nella caserma degli 007”
di Giuliano Foschini 26 Novembre 2020

 A rischiare il processo sono il generale Sabir Tariq, i colonnelli Usham Helmi e Athar Kamel Mohamed Ibrahim, e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif per il reato di sequestro di persona pluriaggravato, e nei confronti di quest’ultimo i pm ipotizzano anche il concorso in lesioni personali aggravate (essendo stato introdotto il reato di tortura solo nel luglio 2017) e il concorso in omicidio aggravato.
I pm su Regeni: processo agli 007. L’Egitto: non ci sono prove, noi processiamo i ladri morti
di Giuliano Foschini 30 Novembre 2020
Chiesta l’archiviazione invece per Mahmoud Najem poiché, come si spiega in una nota, non sono stati raccolti elementi sufficienti, allo stato, per sostenere l’accusa in giudizio.Italia ed Egitto
Caso Regeni. La scappatoia bizantina dei due procedimenti. Via di fuga per i governi
di Carlo Bonini 30 Novembre 2020

La notifica è avvenuta, spiegano gli inquirenti, “con rito degli irreperibili” direttamente ai difensori di ufficio non essendo mai pervenuta l’elezione di domicilio degli indagati dal Cairo. Come previsto dal codice di procedura penale gli indagati e i loro difensori d’ufficio hanno ora venti giorni di tempo per presentare memorie, documenti ed eventualmente chiedere di essere ascoltati.
Caso Regeni, la fiducia di Palazzo Chigi. “Processo in Italia: un passo avanti”
di Giuliano Foschini 01 Dicembre 2020

Argomenti



Go to Source