Regno Unito infermiera accusata di aver ucciso almeno 10 bambini

Regno Unito, infermiera accusata di aver ucciso almeno 10 bambini

La Republica News
Pubblicità

LONDRA – Cemlyn, Joseph, Elsie, Barney, Daisy, Maddie. Sono solo alcuni di almeno una decina di neonati misteriosamente morti nell’ospedale Countess of Chester, nel Cheshire, a sud di Liverpool, negli ultimi anni. Una storia agghiacciante. E qualcosa di davvero strano: l’ospedale, a partire dal 2015, ha avuto il 10% in più di mortalità nel reparto rispetto alla media nazionale. Nel Countess of Chester diversi bambini, piccolissimi, sono deceduti per anomalie cardiache o polmonari e con strane macchie su braccia e gambe. Tragiche fatalità? Forse no. Perché ora la polizia sospetta di una persona: è Lucy Letby, giovane infermiera inglese che ha appena compiuto 30 anni. Un volto sorridente e solare nelle foto che circolano di lei online. Ma, secondo gli inquirenti, dietro quell’immagine giovane e rassicurante ci potrebbe – condizionale d’obbligo – essere un’assassina. Perché i magistrati inglesi hanno incriminato ieri Letby con accuse pesantissime: dieci per omicidio, altre otto per tentato omicidio, tutte di minori, per decessi avvenuti tra il giugno 2015 e il luglio 2016.
Non è chiaro quali siano gli elementi in mano agli inquirenti. Ma l’inchiesta va avanti da anni oramai e ieri è stata ufficializzata l’incriminazione più pesante per Letby, che sinora non si è ancora difesa pubblicamente. A dire il vero, la stessa infermiera era già stata incriminata nel 2018 più o meno con le stesse accuse ma era stata rilasciata su cauzione dopo essere stata fermata. Ora è stata riarrestata e apparirà oggi in tribunale, alla “Warrington Magistrates’ Court”. Lucy Letby, come racconta il Sun, è originaria di Hereford e si è laureata in infermieristica alla Università di Chester nel 2011, a 21 anni. Subito dopo ha iniziato a lavorare al Liverpool Women’s Hospital e poi, dopo qualche anno, è passata al Countess of Chester Hospital.
Argomenti



Go to Source