“Riaprite le indagini sul Mostro di Firenze”

Pubblicità
Pubblicità

“Ci sono tracce che sono state trascurate” scrive l’avvocato Valter Biscotti per conto di Estelle Lanciotti, figlia maggiore di Nadine Mauriot, la donna francese vittima, insieme a Jean Michel Kraveichvili, dell’ultimo degli omicidi attribuiti al cosiddetto mostro di Firenze, avvenuto a Scopeti, una frazione del comune di Rufina (Fi) l’8 settembre 1985. “Cerchiamo la verità, quella vera, con una nuova indagine, e negli atti ci sono tracce finora trascurate per individuare il killer. Chiediamo la riapertura dell’inchiesta sui delitti del mostro di Firenze”.

Mostro di Firenze, la polizia scientifica nel bosco di Scopeti: ricostruzioni 3D per un docufilm della Rai

Insieme all’avvocato Antonio Mazzeo, in rappresentanza di Daniele Kraveichvili, sorella di Jean Michel Kraveichvili, e di Rosanna De Nuccio, sorella di Carmela De Nuccio, uccisa sempre dal presunto mostro nel 1981, e all’avvocato Vieri Adriani, in rappresentanza di Anne Lanciotti, l’altra figlia di Nadine Mauriot, l’avvocato Biscotti ha presentato alla procura a Firenze due istanze per riaprire le indagini sui duplici delitti che insanguinarono i dintorni del capoluogo toscano tra il 1974 e il 1985.

I disegni di Pietro Pacciani in vendita online: 960 euro per dodici litografie

“La prima istanza – si spiega in un comunicato diffuso dai legali – riguarda la richiesta di accesso agli atti del procedimento a carico di Pietro Pacciani, già presentata lo scorso anno, inizialmente concessa e poi negata”. Per quanto riguarda la seconda istanza “è una richiesta di riapertura delle indagini del procedimento già archiviato nei confronti di un soggetto già comparso nei fogli dell’inchiesta e con nuovi elementi  “di interesse investigativo riguardanti questioni in materia balistica, genetica e testimoniale”.

I legali fanno presente che nelle istanze viene richiamata espressamente l’attenzione dei magistrati “su una pista riguardante un sospettato presente in un vecchio dossier dei carabinieri, mai approfondita e mai entrato nella famosa lista dei sospettati, un dna presente sulle buste anonime e sulla scena del crimine, una pistola Beretta calibro 22 sparita nel nulla e potenziali testimoni da sentire”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source