“Rider lavoratori subordinati”, vittoria contro Uber: nelle intercettazioni li chiamavano “senzatetto neri e maleodoranti”

Pubblicità
Pubblicità

“Quei tre schifosi vanno bloccati o quantomeno sentiti e puniti con il 50% sulle ore, altrimenti il problema resterà”. “Intanto puniscili e lunedì prendiamo una decisione”. E ancora: “Senti il cliente, il McDonald’s di Ostia, si lamenta un sacco, dice che puzzano troppo, che sono impresentabili, descrivono il corriere come un senzatetto maleodorante’. Ma ogni volta che si lamenta è una tragedia nazionale quindi dobbiamo offrirgli il miglior servizio possibile”. E la risposta: “Sono neri e hanno odori diversi dai nostri”.

Uber Italy, processo per caporalato con dirigente coinvolta: 21 rider ammessi come parti civili. “Vogliamo essere lavoratori normali”

Era questo il tono della chat “Amici di Uber” in cui si organizzava il lavoro dei rider che consegnavano piatti pronti con gli zaini verdi di Uber Eats. Un lavoro che la multinazionale non trattava direttamente con i fattorini in bicicletta ma attraverso l’intermediazione di una società che – a differenza di altri colossi delle consegne di piatti a domicilio – gli è valsa anche una contestazione per caporalato oggetto di un processo penale a Milano.

Rider in attesa della sentenza oggi davanti al Tribunale di Torino 

Oggi a Torino si è conclusa la causa davanti al tribunale del lavoro di dieci fattorini che hanno chiesto e ottenuto il riconoscimento del lavoro subordinato, con il conseguente risarcimento della differenza di retribuzione tra il basso compenso che prendevano per una corsa – 3 euro – e lo stipendio con contributi e previdenza che avrebbero avuto se fossero stati assunti con un regolare contratto del commercio come previsto dalla normativa.

Caporalato tra i rider di Uber Eats: accuse anche a Torino

I rider, assistiti dagli avvocati Giulia Druetta e Sergio Bonetto, avevano anche chiesto un risarcimento per la violazione della privacy determinata dall’uso dell’app per la gestione delle consegne e per la mancanza di misure di sicurezza, ma questo non è stato riconosciuto dal giudice.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source