Ritirata dagli scaffali la robiola di Eros, “prodotto contaminato da una tossina”

Pubblicità
Pubblicità

Il Ministero della Salute ha segnalato un nuovo richiamo alimentare. Si tratta della robiola di Eros del marchio La Caserta ovvero un prodotto di pura capra a latte crudo. L’alimento è stato ritirato dagli scaffali dei supermercati per una contaminazione da Escherichia coli, un elemento che è produttore di tossina di Shiga (Stec). L’Escherichia coli è un batterio ed è una delle specie principali di batteri che vivono nella parte inferiore dell’intestino di animali a sangue caldo, compreso l’uomo. La tossina di Shiga, invece, prende il nome dal batteriologo giapponese che la scoprì.  L’assunzione di tale tossina può provocare un’infezione che ha conseguenze anche gravi.

Il lotto incriminato

La robiola di Eros, si legge sul sito del ministero, è un prodotto venduto in confezioni da 250 grammi con il numero di lotto 1007/2023 e la data di scadenza 05/08/2023. A produrla è l’azienda La Casera s rl nello stabilimento di via Vidic snc, a Verbania (marchio di identificazione IT C8P9A CE). Naturalmente, come per tutti gli altri richiami finora segnalati dal Ministero della Salute, anche in questo la raccomandazione principale è quella di non consumare il prodotto, ma di riconsegnarlo presso il punto vendita dove lo si è acquistato.

Non solo robiola

I richiami alimentari del ministero riguardano anche altri prodotti attualmente disponibili sul mercato alimentare italiano, come due lotti di Cupcake Lip&Dick a marchio Star Sweet. Si tratta di un dolce a forma di guscio contenente un lecca lecca alla frutta da intingere in un sorbetto. Il motivo del richiamo non è di tipo biochimico, ma è dovuto al mancato fissaggio del portacaramelle del lecca lecca alla parte inferiore del coperchio che potrebbe staccarsi durante il consumo ed essere pericoloso, soprattutto se consideriamo che si tratta di un alimento mangiato dai bambini. Il prodotto in questione è venduto in pezzi da 40 grammi con i numeri di lotto KD2349-12-21 e KD3251-08-22 e i termini minimi di conservazione (Tmc) 30/06/2026 e 10/01/2026. È prodotto dall’azienda Star Sweet Holland BV, nello stabilimento di Stadionstraat 13 B2, a Breda, nel Paesi Bassi. Anche in questo caso la raccomandazione è di non consumarlo e riportarlo nel punto vendita dove lo si è acquistato.

I litchi pericolosi

È di un paio di giorni fa invece il richiamo alimentare per Lychees Feixizao. I litchi sono un frutto cinese ormai noto anche dalle nostre parti. Il lotto di produzione è 23008, mentre la data di scadenza è il 20 luglio 2023. Il prodotto è venduto in una confezione di 500 grammi e mi motivo del richiamo è dovuto alla possibile presenza di pesticidi in quantità non conforme a quelli che sono i limit previsti dal regolamento.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *