Roma, tris e brividi a Sofia: è prima nel girone

Pubblicità
Pubblicità

La Roma s’è presa in 90 minuti quello che temeva di aver pregiudicato nelle due partite contro il Bodo/Glimt. Il 3-2 al Cska, con finale da brividi e in uno stadio innevato dalle temperatura vicine allo zero di Sofia, vale il soffertissimo primo posto nel girone della piccola Conference League, grazie al pari per 1-1 dello Zorya con il Bodo che permetterà di evitare il playoff con una retrocessa dall’Europa League a Febbraio. 

Mourinho: ”Tante difficoltà inaspettate. Vogliamo il primo posto, ma in Europa non ci sono partite facili”

Mayoral, da emarginato a protagonista

A trascinare in porto la Roma, la coppia Abraham-Mayoral: ma se il primo è una delle certezze di Mourinho, lo spagnolo è una assoluta novità, visto che fino a ieri il tecnico gli aveva concesso la miseria di 114 minuti in campo. Al primo, timido segnale di fiducia, Mayoral ha risposto ispirando l’azione del primo gol del centravanti inglese e segnato il raddoppio di tacco, con un gesto tecnico sorprendente. Il tris di Abraham dopo 8 minuti della ripresa ha chiuso ogni discorso, o almeno quella era la sensazione prima che la squadra decidesse di complicarsi drammaticamente la vita. Prima concedendo il gol a Catakovic, inspiegabilmente libero di calciare in porto, poi nel recupero lasciando a Wildschut l’illusione del 3-2, figlia soprattutto di un goffissimo intervento del portiere di riserva Fuzato. A confermare il talento della Roma nel complicarsi la vita. 

Barcellona sempre più a fondo, senza ottavi di Champions dopo 21 anni

Infortunio Zaniolo: problemi all’adduttore

Ma la vera maledizione continuano a essere gli infortuni. Così, anche in una notte sportivamente fortunata, visto che in pochi osavano immaginare che il primato nel girone non fosse ormai compromesso, è successo quello che non doveva capitare: entrato da meno di 20 minuti, Nicolò Zaniolo si è fermato per un dolore all’adduttore della coscia destra. Colpa del freddo forse, o forse dello stress muscolare a cui si è sopposto il 22enne negli ultimi mesi, dopo un anno di inattività. Certo per Mourinho vuol dire perdere un altro pezzo importante dopo El Shaarawy e Pellegrini e Felix Afena, fermato dal Covid dopo i due gol al Genoa. Un prezzo altissimo sul piatto della qualificazione.  

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source