171927299 dd210d90 4ed5 4937 a19b 35faf5c1d1da

Ruby Ter, slitta ancora la sentenza per Silvio Berlusconi: accolto il legittimo impedimento per il ricovero

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

171927299 dd210d90 4ed5 4937 a19b 35faf5c1d1da

Il tribunale di Siena ha disposto il rinvio al 22 aprile per il processo Ruby ter che vede indagato Silvio Berlusconi per corruzione. I giudici hanno accolto la richiesta della difesa dell’ex premier. Il tribunale ha invece respinto la richiesta del pm che  chiedeva anche accertamenti medici per capire i tempi dell’impedimento di Silvio Berlusconi a partecipare al processo.
Secondo quanto spiegato dalla difesa di Berlusconi i giudici hanno ritenuto sufficiente la documentazione medica depositata oggi dai legali dell’ex premier. Si tratta di documentazione a firma di Alberto Zangrillo e Lorenzo Dagna del San Raffaele, e di Andrea Gentilomo, direttore di medicina legale all’università di Milano in cui si indicano almeno 2 mesi d’impedimento.

Silvio Berlusconi ancora ricoverato per accertamenti al San Raffaele di Milano

Questo pomeriggio la difesa di Silvio Berlusconi aveva chiesto nuovamente il rinvio per legittimo impedimento dell’ex premier, perchè ricoverato al San Raffaele di Milano da una settimana, al processo Ruby ter a Siena. Già la scorsa settimana l’udienza era stata rinviata  sempre a causa delle condizioni del leader di Forza Italia.

Berlusconi in ospedale diserta il Ruby-ter con un certificato medico

Berlusconi a Siena è accusato di corruzione in atti giudiziari di Danilo Mariani, il pianista senese delle serate ad Arcore. Quest’ultimo, coimputato, è accusato di falsa testimonianza. ll processo senese è stato originato da un fascicolo trasmesso dal tribunale di Milano a quello della città toscana nel 2017 per competenza territoriale. Per i pm milanesi è a Siena che si sarebbe completato il pagamento effettuato da Berlusconi a Danilo Mariani, pianista delle feste di Arcore, per indurlo, secondo l’accusa, a rendere testimonianze edulcorate sulle serate a villa San Martino. Sempre secondo l’accusa, i bonifici effettuati da Berlusconi a Mariani come ‘rimborsi spesa’, circa 170 mila euro dal 2011 al 2013, sarebbero stati pagamenti per indurre il pianista a falsa testimonianza. La procura di Siena, con la pm Valentina Magnini, ha chiesto la condanna di Berlusconi a 4 anni e 2 mesi, e di Mariani a 4 anni e 6 mesi. Il primo rinvio della sentenza è avvenuto il 21 maggio 2020 per l’impedimento dei legali a raggiungere Siena a causa delle restrizioni imposte dal Covid agli spostamenti tra regioni; il secondo l’1 ottobre a causa della positività al coronavirus di Berlusconi; il terzo il 25 novembre alla luce della richiesta del leader di Forza Italia di deporre in aula; il quarto il 14 gennaio scorso per il ricovero dell’ex premier all’ospedale del Principato di Monaco, l’ultimo la scorsa settimana.



Go to Source