Russia, sequestrato lo yacht di Usmanov da 600 milioni di dollari

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – Le autorità tedesche hanno sequestrato lo yacht da 600 milioni dell’oligarca russo Alisher Usmanov, uno dei più vicini a Putin e per questo sanzionato dall’Unione europea per l’invasione russa in Ucraina.

Caccia grossa agli oligarchi di Putin. Tra acciaio, finanza e Costa Smeralda: ecco gli uomini nel mirino di Usa e Ue

La notizia, rilanciata da Forbes che cita fonti interne all’industria delle navi di lusso, riguarda il suo Dilbar: imbarcazione da 512 piedi (156 metri), che si trovava nel porto di Amburgo.

Caccia agli oligarchi: congelate le azioni di Mordashov, Fridman e Aven. Ma in Costa Smeralda è allarme occupazione

Usmanov, ricorda il Guardian, ha comprato il Dilbar nel 2016: un’acquisto accreditato del valore di 600 milioni di dollari, appunto. Quasi cento uomini di equipaggio, per gestire 12 suite e 24 passeggeri. Al cantiere tedesco Lürssen ci sono voluti oltre 52 mesi di lavoro per mettere in acqua quello che fu definito “uno dei più complessi e sfidanti yacht di sempre, sia per le dimensioni che per la tecnologia”. Si era parlato anche di sistemi missilistici anti-aerei, che però erano stati smentiti del ceo del cantiere: “Ha i sistemi di sicurezza più avanzati di qualsiasi yacht al mondo, ma queste cose sono un non-senso”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source