Salvini, ironia social sulla foto di gruppo con le mascherine ‘posticce’. Ma lui replica: “E’ stato il filtro”

Pubblicità
Pubblicità

“Con la grande squadra della Lega in Regione Lombardia che con il massimo impegno non perde di vista gli obiettivi su cui lavorare: Lavoro, Sanità e opere pubbliche. Avanti!”: il segretario della Lega Matteo Salvini incontra la squadra di assessori leghisti e il governatore della Lombardia Attilio Fontana e posta la foto dell’abbraccio collettivo sui social. Ma in tanti fanno notare una stranezza: su molti volti le mascherine sembrano disegnate – anzi, spennellate – con il Photoshop, tanto che si intravedono nasi e bocche. E l’ironia vola, suggerendo che le mascherine siano state appunto aggiunte a posteriori nella foto per evitare polemiche su quella vicinanza eccessiva: “Matteo, se me lo chiedevi ti modificavo la foto gratis”.

Salvini, l’abbraccio con i leghisti e quelle strane mascherine che sembrano aggiunte con Photoshop

“Con la grande squadra della Lega in Regione Lombardia che con il massimo impegno non perde di vista gli obiettivi su cui lavorare: Lavoro, Sanità e opere pubbliche. Avanti!”: il segretario della Lega Matteo Salvini incontra la squadra di assessori leghisti e il governatore della Lombardia Attilio Fontana e posta la foto dell’abbraccio collettivo sui social. Ma in tanti fanno notare una stranezza: su molti volti le mascherine sembrano disegnate – anzi, spennellate – con il Photoshop, tanto che si intravedono nasi e bocche. E l’ironia vola, suggerendo che le mascherine siano state appunto aggiunte a posteriori nella foto per evitare polemiche su quella vicinanza eccessiva: “Matteo, se me lo chiedevi ti modificavo la foto gratis”.

Bastano un paio d’ore di affaccio sui social della foto per far capire al leader leghista, che sarebbe impegnato in questioni ben più fondamentali, l’aria che tira. Così riposta la foto, questa volta senza strani effetti. “Errata corrige. Qui la foto originale senza il “filtro nitidezza” che ha fatto apparire dei volti sulle mascherine dei presenti. Al lavoro”. Caso chiuso.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source