Samuel Eto’o nei guai per un’intercettazione. “Tranquillo, faccio promuovere la tua squadra nella serie A del Camerun”

Pubblicità
Pubblicità

Samuel Eto’o nei guai. L’ex attaccante di Inter e Sampdoria e presidente della Federcalcio camerunense è al centro di una nuova polemica. Dopo la rottura unilaterale del contratto con Le Coq (per passare a One Sport), le accuse della figlia per il mancato mantenimento e il caso Onana (allontanato dal ritiro della nazionale in Qatar), l’ex centravanti è stato accusato di aver agevolato la promozione di un club bella massima serie del Camerun.

Un sito sportivo locale (Camfoot) ha pubblicato un’intercettazione che riporta le parole di Eto’o e Valentine Gwain, presidente del Victoria Limbé, squadra di seconda divisione, promossa in Elite 1. “Mi avevi detto che mi avresti accompagnato nel mio percorso” dice Gwain, che si lamenta per una serie di torti arbitrali subiti dal suo club. “Devi stare tranquillo – la replica dell’ex attaccante dell’Inter – fai ricorso, ti ridiamo i tre punti e sospendiamo l’arbitro. Dammi solo il tempo di rientrare in Camerun. Poi vieni da me in ufficio, ti puoi fermare un paio di giorni, porta pure le tue donne”.

Il presidente del Victoria Limbé ribatte: “Il problema è Foukou, il presidente della commissione arbitrale. Ha mandato il figlio del fondatore del Tonnerre a dirigere la nostra partita contro di loro. Ma ti pare possibile?”. La risposta di Eto’o è categorica: “No, non è possibile. Il nostro club deve salire in prima serie, è il nostro obiettivo. Ma tu mi devi dare una mano, non puoi fare troppo casino, devi restare calmo. Se sono diventato presidente della federazione lo devo te e agli altri nostri due amici”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *