Sanremo giovani, la corsa per l’Ariston tra amore e voglia di crescere

Pubblicità
Pubblicità

Il Festival di Sanremo riparte dai giovani. Sono in 12, le loro canzoni si ascoltano già da un mese, a cominciare dal sito di RaiPlay, e tutti sperano di conquistare un biglietto per entrare al teatro Ariston a febbraio. Selezionati dalla commissione presieduta da Amadeus, i 12 artisti di Sanremo giovani si ritroveranno venerdì 16 dicembre in diretta su Rai 1. In sei saranno ammessi tra i Big, che a quel punto diventeranno 28.

Sanremo 2023, revival, giovani e vincenti extralusso. I Big di Amadeus sono il segno del cambiamento

Amadeus ripete spesso che “non conta il nome dell’artista ma la canzone”. La regola vale anche per i giovani, ci si chiede innanzitutto se “quella canzone può avere un successo radiofonico, tant’è che le mie scelte avvengono in automobile: uno pensa che io mi chiuda in una sala di incisione con le casse, e invece no, salgo in macchina e scelgo le canzoni mentre guido”. La serata in diretta su Rai 1 sarà commentata anche in diretta su Rai Radio2, partner ufficiale del Festival, da Mariolina Simone. Anche RaiPlay provvederà a trasmetterlo sulla propria piattaforma. 

Agli otto scelti da Amadeus, ovvero Gianmaria, Giuse The Lizia, Maninni, Mida, Olly, Sethu, Shari e Will si sono recentemente aggiunti i quattro selezionati da Area Sanremo, ovvero la band milanese Colla zio, Fiat 131, Noor e Romeo & Drill. Soltanto due le ragazze. Tra i temi dominano le storie d’amore, quasi sempre complicate. Molte canzoni raccontano la voglia di crescere, si sogna di andare a vivere da soli, di comprare casa, la conquista di un’autonomia cui si aspira già intorno ai vent’anni. Nessuno dei brani spicca davvero per orginalità e anzi c’è una buona dose di ballate melodiche “sanremesi”. Anche i brani di maggiore qualità ricordano per stile e arrangiamenti ma soprattutto nel cantato, esempi già sentiti: Gianmaria con La città che odi ricorda Frah Quintale mentre Sethu, con Sottoterra, Blanco.   

Il commento

Amadeus e le scelte di Sanremo 2023: c’è del buono ma tira aria di restaurazione

   I dodici in gara al teatro del Casinò di Sanremo sono il risultato delle selezioni condotte dalle due commissioni, quella musicale Rai composta dalla vicedirettrice Prime time Federica Lentini, dal maestro Leonardo De Amicis e dall’autore Massimo Martelli, e quella di valutazione di Area Sanremo composta da Lavinia Iannarilli (in quota Rai) e dagli autori Paolo Biamonte e Sergio Rubino, e il direttore artistico, Amadeus.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source