Santa Maria Capua Vetere, il carcere delle violenze, la Procura chiude le indagini per 120 indagati

Pubblicità
Pubblicità

Ci sono i nomi di tutti i vertici della polizia penitenziaria che in piena estate furono coinvolti nell’ordinanza della magistratura casertana. Con loro anche gli agenti. Sono 120 complessivamente gli indagati per i quali gli inquirenti della Procura di Santa Maria Capua Vetere hanno chiuso le indagini.

“Tutti faccia al muro”: i nuovi video dei pestaggi a Santa Maria Capua Vetere

L’indagine fa luce sulle violenze, le torture e i pestaggi nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Ora gli indagati hanno 20 giorni per presentare memorie difensive. I reati contestati a varo titolo sono quelli di tortura ai danni di numerosi detenuti, maltrattamenti aggravati, lesioni personali aggravate, abuso di autorità contro detenuti, perquisizioni personali arbitrarie, falso in atto pubblico anche per induzione, calunnia, frode processuale, depistaggio, favoreggiamento personale, rivelazioni di segreti d’ufficio, omessa denuncia, e cooperazione nell’omicidio colposo ai danni di un detenuto di nazionalità algerina Hakimi Lamine, deceduto in carcere 4 maggio dello scorso anno. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source