Santa Maria Capua Vetere, il racconto di un detenuto: “Ci hanno massacrato dopo le proteste”

Pubblicità
Pubblicità

Questo video è stato registrato il 17 aprile 2020. A parlare è un detenuto, oggi agli arresti domiciliari, che ha denunciato di essere stato picchiato dalle forze dell’ordine all’interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere. “Domenica 5 aprile siamo venuti a sapere che in un reparto c’era un caso di coronavirus – racconta – Temevamo di infettarci tutti, così abbiamo iniziato una protesta pacifica, con la battitura delle sbarre. Il giorno dopo, verso le 15.30, sono arrivati in reparto circa 300 agenti in assetto antisommossa, sono entrati in tutte le celle e ci hanno riempito di botte. Ad alcuni, tenendoli bloccati, hanno anche tagliato la barba. Poi ci hanno scaraventato fuori le celle, 4 alla volta, e ci hanno massacrato finché non siamo arrivati giù, nel cortile. Poi ci hanno fatto risalire ed è ricominciato il pestaggio a ritroso: dal cortile alla cella. Ci dicevano ‘da oggi comandiamo noi, voi non siete più nessuno, siete la feccia della società’. La notte mi sveglio all’improvviso e rivivo tutto quello che è successo”.

Intervista di Luca Leva (Alanews) / ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source