“Scippo in casa”, la Meloni si prende tutto. Ghisleri, il sondaggio che fa tremare il centrodestra: occhio al dettaglio

Libero Quotidiano News

Sullo stesso argomento:

23 settembre 2020

Nelle elezioni regionali di qualche giorno fa c’è chi ha perso voti e chi invece ne ha acquisiti di nuovi. A spiegarlo è la sondaggista Alessandra Ghisleri. Tra gli sconfitti di questa tornata elettorale c’è il M5S, che ha perso 1 milione e 200 mila preferenze rispetto alle europee del 2019. Ma c’è anche il partito di Renzi, Italia Viva. Se si proiettano i suoi voti solo sulle sei regioni al voto – senza la Valle d’Aosta – raggiungerebbe una percentuale intorno al 3,5%, mentre a livello nazionale rimane stabile intorno al 3.1%.
 
 

 
L’unica forza politica che continua a crescere, per la direttrice di Euromedia Research, è Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che si impone come terzo partito nel Paese a livello locale, conquistando circa 950.000 voti. Ma anche a livello nazionale, come spiega la Ghisleri su La Stampa, FdI dimostra di essere ancora una volta l’unico partito in evoluzione nelle urne e sul territorio, malgrado il tentativo fallito in Puglia con il candidato Raffaele Fitto. Curioso il fatto che il guadagno della forza politica di Meloni corrisponda esattamente alla perdita di Forza Italia. Solo un caso?
Ghisleri fa notare, infatti, che il partito di Silvio Berlusconi si è dimostrato molto fragile senza il suo leader: si è portato a casa uno scarso risultato, ad esclusione delle Marche (con il 5,89%) e della Puglia (con l’8,91%). In Campania, dove esprimeva il suo candidato Stefano Caldoro, il partito azzurro ha preso il 5,16% perdendo quasi 180.000 voti. Sul totale, Forza Italia nelle sei regioni ha perso circa 350.000 voti. Duro colpo anche per la Lega di Matteo Salvini, che ha smarrito, sempre rispetto alle elezioni europee, quasi due milioni di voti al netto delle liste dei presidenti, perché solo la lista Zaia ha realizzato circa 915.000 voti.  

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi