Scusate abbiamo scherzato. Tutto chiuso roba da matti voci inquietanti sul piano 15 gennaio

“Scusate, abbiamo scherzato”. Tutto chiuso, roba da matti: voci inquietanti sul “piano 15 gennaio”

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

28 dicembre 2020

Scusate, abbiamo scherzato. Come al solito”. Potrebbero essere riassunte così le ultime indiscrezioni che arrivano dal fronte emergenza-coronavirus, con le riaperture previste per il 15 gennaio che potrebbero già saltare. Nel dettaglio palestre, piscine, cinema, teatri e centri estetici potrebbero ancora essere costretti a chiudere dal governo, che disattenderebbe l’ennesima promessa. Così come potrebbe non ripartire, o meglio iniziare, la stagione sciistica. Il timore? Sempre quello, l’aumento dei contagi. E la conferma al possibile prorogarsi delle chiusure arriva direttamente dal Cts, dove è aperto un tavolo tecnico col ministero dello Sport “per accelerare  i tempi e consentire alle persone e soprattutto ai giovani di riprendere l’attività fisica al più presto”. Almeno a parole.
Per quel che riguarda le palestre, si ragiona almeno a un numero di ingressi contingentati e alla possibilità di non permettere ai clienti di accedere agli spogliatoi, anche se la chiusura resta l’ipotesi prevalente. Anche per cinema e teatri dovrebbe continuare la serrata, nel timore di file agli ingressi. Potrebbero al contrario riaprire i musei, sempre con ingressi contingentati e prenotazione. 
Pronti a dare battaglia bar, ristoranti e locali, che rispettando il rigido protocollo già esistente, niente consumazioni al bancone e un massimo di quattro persone per tavolo, sono pronti a riaccogliere clienti non solo a pranzo, ma anche a cena. Eppure Roberto Speranza ha già detto che si procederà con le zone colorate anche dopo l’Epifania, dunque le cene sembrano escluse. Ancora. Per certo, resteranno chiusi per i prossimi mesi tutti i grandi eventi e le discoteche, insomma ogni spazio che prevede un grande numero di persone nello stesso luogo. Per ipotizzare e programmare le ripartenze, spiega il Cts, l’indice Rt deve scendere almeno allo 0,5.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source