“Se vince il Sì e dopo un mese cade il governo?”. Carlo Nordio e la pagliacciata Pd: lo scenario catastrofico

Libero Quotidiano News

Sullo stesso argomento:

16 settembre 2020

“Se vince il Sì, questo parlamento deve andare a casa. Se dovesse vincere il No, è il governo a doversene andare”. Così Carlo Nordio si è espresso in merito al referendum sul taglio dei parlamentari in un’intervista rilasciata a ItaliaOggi. Secondo i sondaggi è scontato il successo del Sì: “Sarebbe una vittoria grillina – è l’opinione dell’ex procuratore aggiunto di Venezia – anche se gli altri partiti sosterrebbero di esserne stati patrocinatori. Il parlamento dovrebbe andare a casa? Perché dal Sì al taglio emergerebbe un problema istituzionale e politico enorme: la delegittimazione dell’attuale parlamento. Temo che non si sia considerato abbastanza seriamente il fatto che non saremmo in presenza di una nuova legge elettorale, ma di una vera e propria rivoluzione della nostra Carta fondamentale, che prevederebbe un parlamento costituito in modo affatto diverso dall’attuale”.
Nordio ha parlato anche del ribaltone all’interno del Pd, con la direzione e il segretario Nicola Zingaretti che hanno dato indicazione di votare Sì al referendum: “Pure ragioni di convenienza politica, una concessione all’alleato pentastellato senza badare alla coerenza”. Può esserci una crisi di governo in base all’esito della consultazione popolare? Si possono sciogliere le Camere e tornare a votare? Nordio ha risposto agli interrogativi di ItaliaOggi: “Supponiamo che vinca il Sì e che dopo un mese cada il governo e sia impossibile formarne un altro. Le Camere dovrebbero essere sciolte, ma con quale sistema andremmo a votare? Nessuno lo ha detto, nessuno lo ha previsto”. Nel remoto caso in cui clamorosamente dovesse avere la meglio il No, allora si verificherebbe un solo scenario: “Cadrebbe il governo. La vittoria del No sarebbe infatti una sconfitta insopportabile per i 5 Stelle, che hanno voluto questa riforma e ne hanno fatto un presupposto imprescindibile della loro attività politica”. 

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi