Settimana corta di quattro giorni, prime sperimentazioni in Italia. E nel Regno Unito è già un successo

Pubblicità
Pubblicità

MILANO –  La settimana corta a quattro giorni, a parità di stipendio ma con un aumento a 9 ore quotidiane per i giorni lavorativi, guadagna consensi in Italia mentre all’estero si è imposta già da alcuni mesi. L’ultima in ordine di tempo in Europa, Intesa Sanpaolo, è stata la prima grande azienda che in Italia l’ha formalizzata nell’ambito un più ampio piano di riorganizzazione del lavoro.

Nel dettaglio, la proposta prevede “la possibilità di aumentare su base volontaria il lavoro flessibile da casa fino a 120 giorni all’anno, con un’indennità di buono pasto di 3 euro al giorno, per tener conto anche delle spese sostenute lavorando da casa, e di lavorare 4 giorni a settimana aumentando a 9 le ore giornaliere su base volontaria, a parità di retribuzione, senza obbligo di giorno fisso. Dal gennaio 2023, le persone che lavorano in Intesa Sanpaolo, potranno individualmente accedere a queste modalità, ulteriormente migliorative rispetto a quelle attuali, compatibilmente con le esigenze tecniche, organizzative e produttive aziendali”.

Se quattro giorni vi sembran pochi: come cambia il lavoro

Il caso di Lavazza: venerdì “corto” con uscita anticipata

In Italia sono ancora poche le grandi aziende che hanno adottato questo modello. Ad avvicinarsi è comunque Lavazza, che nel nuovo contratto integrativo prevede comunque la possibilità, sempre a parità di stipendio, di accorciare la giornata lavorativa il venerdì, consentendo ai lavoratori di lasciare anticipatamente il lavoro.

Il modello inglese: promossa la sperimentazione

Dove invece il modello della settimana a 4 giorni è già ampimente diffuso è nel Regno Unito. A partire da giugno, 70 aziende britanniche hanno introdotto in via sperimentale la settimana corta a parità di stipendio. Un rapporto di 4 Day Week Global, l’organizzazione no profit che ha promosso il progetto, – citato dal Financial Times – ha già riscontrato netti miglioramenti per la salute fisica e mentale, e nell’equilibrio tra lavoro e vita privata. Tre delle quattro società interpellate dal Ft che stanno conducendo questa sperimentazione hanno intenzione di proseguire anche al termine dell'”esperimento”.

La legge belga

A muoversi per primo su questo fronte a livello governativo, che quest’anno ha approvato una proposta di legge che consente ai lavoratori di richiedere un accorciamento della settimana, a parità di stipendio e numero di ore. Le aziende possono comunque opporsi, ma con l’obbligo di presentare una adeguata motivazione accompagnata al rifiuto.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source