Simone Biles, i demoni in testa hanno un nome: sono i “twisties”

Pubblicità
Pubblicità

Un blocco mentale, una perdita di spazio ed equilibrio. Simone Biles ha i demoni, ma i demoni hanno un nome, un effetto e una causa, anche se non si sa quale sia. Quando Simone Biles ha parlato di salute mentale per spiegare i ritiri dalle gare a squadre e dalla gara generale ha detto: “Ho i twisties“. Cosa sono i “twisties”? Per le persone normali non sono nulla, per i ginnasti sono un incubo: una sorta di blocco mentale. Improvviso.

Un blocco che fa perdere il senso dello spazio e della dimensione quando è in aria, che fa perdere il controllo del corpo e che, durante un volteggio o una capriola, può far perdere il controllo del corpo e rende incapaci di atterrare in sicurezza. Anche se l’atleta ha fatto la stessa manovra per anni senza problemi. Anche se sei una leggenda. Anche se sei la migliore. Disorienta. Come se corpo e cervello si scollegassero. Il corpo semplicemente non collabora, il cervello perde traccia di dove è il fisico nell’aria. L’atleta scopre dov’è il terreno quando atterra. E la paura diventa paralizzante.

Olimpiadi, il peso del mondo non è uguale per tutte

Ci sono atlete e atleti che hanno capito cosa stesse passando Simone Biles quando ha perso il senso dello spazio durante il volteggio della gara a squadre, quando si è ritirata. La ginnasta britannica Claudia Fragapane alla BBC ha raccontato di essere caduta dalle parallele asimmetriche e sulla trave nei turni di qualificazione e poi nell’aprile di quest’anno è caduta di nuovo a seguito di un blocco mentale e non è riuscita a qualificarsi per i Giochi di Tokyo. La ginnasta svizzera Giulia Steingruber in un documentario di qualche anno fa ha raccontato che durante un volteggio “non avevo più la sensazione di dove mi trovavo. Ruotare e capovolgere il corpo è disorientante”.

Simone Biles: “Devo salvarmi dai miei demoni”

Il talento di Simone Biles è proprio nel suo eccezionale “senso dell’aria” come lo chiamano gli atleti. Il controllo del corpo mentre è in volo. Se l’atleta lo perde non ha scelte: deve fermarsi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source