Spari a Conakry, tentativo di colpo di Stato in Guinea

Pubblicità
Pubblicità

Nella Repubblica di Guinea è in atto un tentativo di colpo di Stato. Lo riferiscono vari media, locali e internazionali. Nella capitale Conakry il quartiere del palazzo presidenziale, Kaloum, è teatro di scontri con colpi di arma da fuoco, in cui almeno due persone sono rimaste ferite. In base alle testimonianze non è certo se il presidente, Alpha Condé, si trovasse o no nella residenza ufficiale. Alcune fonti sostengono che sia salvo e si trovi sotto la protezione della guardia presidenziale, ma in rete circola anche un video, sulla cui autenticità non c’è prò certezza, in cui compare circondato da militari che potrebbero essere ribelli. 

Secondo “Jeune Afrique” il tentativo di golpe sarebbe guidato da elementi del Gruppo delle forze speciali (Gps), un’unità d’élite dell’Esercito, guidato dal tenente colonnello Mamady Doumbouya, un malinkè della regione di Kankan, ex legionario dell’Esercito francese. I militari hanno bloccato le strade che portano alla città.

Forze leali al presidente avrebbero tratto in arresto 25 militari che hanno partecipato al tentativo di rovesciamento del potere. L’anziano capo di Stato, 83 anni, è stato rieletto alla fine dell’anno scorso per il terzo mandato, dopo una controversa riforma della Costituzione. Nel 2011 è scampato a un attentato.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source