Spari a Gerusalemme: almeno otto morti. Ucciso l’aggressore

Pubblicità
Pubblicità

Almeno otto persone sono state uccise e altre ferite da colpi d’arma da fuoco in una sparatoria nel quartiere di Neve Yaakov a Gerusalemme. Lo hanno riferito fonti del Pronto soccorso Magen David Adom, secondo cui l’assalitore è stato “neutralizzato”. Secondo alcuni media i fatti sarebbero avvenuti vicino a una sinagoga.

Nel ricostruire la dinamica dell’aggressione la stampa locale spiega che gli spari hanno raggiunto alcuni fedeli mentre stavano uscendo da una sinagoga.

L’attacco arriva dopo una notte di tensione, con razzi lanciati da Gaza nel sud di Israele e attacchi in risposta dell’aviazione israeliana, in seguito agli scontri di Jenin in Cisgiordania, dove nove palestinesi sono rimasti uccisi in un raid dell’esercito nell’ambito di “un’operazione antiterrorismo”. In giornata tuttavia era tornata una calma vigile, con gli analisti che ricordavano come sia Hamas che Israele non sarebbero intenzionati ad un’ulteriore escalation.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source