Speranza: “Il distanziamento sui treni presto in un decreto ministeriale”

La Republica News

Nei luoghi chiusi e quindi sui treni resta l’obbligo di distanza di un metro, che sarà confermata nel nuovo Dpcm, gli aerei sono un eccezione: lo ha spiegato il ministro Roberto Speranza, durante il question time alla Camera, mentre dagli esperti del Cts, il Comitato tecnico scientifico, emerge l’orientamento a indicare il 50% come capienza massima dei coinvogli regionali.”L’ordinanza – ha detto Speranza – non è legata solo alla vicenda dei treni ma al rispetto delle regole essenziali e i termini dell’ordinanza verranno confermati nel dpcm che approveremo. Da parte mia dico che ogni scelta restrittiva comporta dei costi e dei disagi, ma dobbiamo rispettare i tre principi fondamentali: uso mascherine, distanziamento di almeno un metro e lavaggio delle mani”. Secondo il ministro le misure adottate hanno permesso di ridurre i contagi, ma la battaglia non è vinta e l’Unione europea non è fuori dalla fase epidemica. Le regole essenziali tra cui il rispetto di un metro di distanziamento devono essere necessariamente rispettate nei luoghi chiusi. “E’ però evidente che possono esserci eccezioni nel caso in cui il Comitato tecnico scientifico riconosca dei protocolli di sicurezza, esattamente come avvenuto per le compagnie aree, dove il sistema di ricambio d’aria consente un livello di sicurezza anche senza gli evidenti limiti di distanziamento”. Cronaca


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi