Spezia-Empoli 1-1, all’autogol di Marchizza risponde quello di Nikolaou

Pubblicità
Pubblicità

Finisce senza vincitori né vinti la sfida tra Spezia ed Empoli. Al “Picco” finisce 1-1 ed è un pareggio deciso da due autogol, curiosamente da due ex della gara: padroni di casa avanti per l’autorete di Marchizza, pari toscano grazie alla deviazione nella propria porta di Nikolaou.

<< La cronaca della partita >>

Reintegrato Nzola

Dopo tanti esperimenti, Thiago Motta sembra aver definitivamente scelto il 3-5-2 con Gyasi e Reca esterni di centrocampo e la coppia d’attacco Manaj-Nzola, quest’ultimo reintegrato dopo aver saltato per punizione la trasferta a Roma. Andreazzoli al suo canto sceglie Di Francesco a supporto dell’inamovibile Pinamonti. Primo tempo senza reti, ma quasi esclusivamente a tinte azzurre: se il punteggio resta sullo 0-0 è per un doppio miracolo prima di Amian, che respinge sulla riga un tiro proprio di Di Francesco, e poi di Provedel che nega d’istinto la gioia a Pinamonti.

Doppio autogol

Ad inizio ripresa tuttavia la musica cambia ed è lo Spezia a trovare il vantaggio: solita sgaloppata sulla sinistra di Reca, sul cross sfortunata deviazione dell’ex Marchizza nella propria porta e liguri in vantaggio. Andreazzoli corre ai ripari e all’ora di gioco si gioca il triplo cambio con Cutrone, Bajrami e Parisi che curiosamente hanno un’occasione a testa nei minuti successivi. Ma a battere la resistenza spezzina ci pensa un proprio giocatore con un’azione replay di quella del vantaggio bianconero: cross dalla destra di Stojanovic e Nikolaou per anticipare Cutrone gela Provedel.

Rigore Empoli, anzi no

L’Empoli ci prende gusto e prova il colpo grosso. Ci va vicinissimo (in totale 22 tiri), ma deve fare i conti con il Var. L’arbitro Maggiori assegna il rigore per un tocco di mano di Amian su tiro a botta sicura di Pinamonti, ma richiamato al monitor torna sui propri passi perché la palla aveva colpito il petto del difensore francese. Nei minuti finali Henderson fa la barba al palo con un pericolosissimo inserimento. E’ l’ultima occasione di una partita piacevole: il pareggio sta stretto all’Empoli che resta nei piani alti della classifica allungando la striscia positiva a cinque partite, mentre lo Spezia può guardare il bicchiere mezzo pieno avendo guadagnato un punto su Cagliari, Genoa e Salernitana. Ma soprattutto in casa ci si aspetta di più.

SPEZIA-EMPOLI 1-1 (0-0)
SPEZIA (3-5-2):
Provedel; Amian, Erlic, Nikolaou; Gyasi, Maggiore, Kiwior, Bastoni (28’st Kovalenko), Reca; Nzola (37’st Colley), Manaj (28’st Agudelo). In panchina: Bertola, Hristov, Ferrer, Sher, Nguiamba, Antiste, Strelec, Zoet, Zovko. Allenatore: Thiago Motta.
EMPOLI (4-3-2-1): Vicario; Stojanovic, Luperto, Tonelli, Marchizza (18’st Parisi); Henderson, Ricci, Zurkowski; Di Francesco (18’st Cutrone), Bandinelli (18’st Bajrami); Pinamonti. In panchina: Viti, Romagnoli, Fiamozzi, Stulac, Asllani, Mancuso, La Mantia, Ujkani. Allenatore: Andreazzoli.
ARBITRO: Maggioni di Lecco.
RETI: aut. Marchizza al 50′ e aut. Nikolaou al 71′.
AMMONITI: Maggiore, Tonelli, Bandinelli, Amian e Kovalenko.
ANGOLI: 5-3 per l’Empoli.
RECUPERO: 0′ e 5′

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source