144724505 6949d1f1 ca66 49f4 b652 ec57dfa779bd

Spionaggio russo, l’ufficiale Biot non risponde al gip di Roma: “Sono frastornato, ma chiarirò”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

144724505 6949d1f1 ca66 49f4 b652 ec57dfa779bd

Walter Biot è rimasto in silenzio. Ascoltato dal gip in occasione dell’interrogatorio di garanzia il capitano di fregata della Marina militare, fermato martedì scorso, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Al magistrato ha solo spiegato di essere “frastornato per l’accaduto”, sottolineando di voler chiarire la sua posizione solo dopo “aver raccolto le idee”.

I segreti Nato nelle medicine. L’ufficiale italiano spiava in cambio dei soldi russi

È accusato di aver consegnato a un funzionario dell’ufficio militare dell’ambasciata russa a Roma una chiavetta usb in cambio di 5 mila euro. Un supporto elettronico dentro il quale sarebbero stati custoditi documenti classificati.

La consegna interrotta due giorni fa dai carabinieri del Ros sarebbe solo l’ultimo passaggio di documenti che Biot, 56 anni e 4 figli, avrebbe fatto ai russi. Le indagini dell’Aise dimostrano che l’uomo, in servizio all’ufficio politica militare e programmazione della difesa, sarebbe stato reclutato già da alcuni mesi.

Subito espulsi due diplomatici russi. L’Italia aspetta la contromossa di Putin

Secondo la procura di Roma Biot avrebbe procacciato notizie importanti per la sicurezza dello Stato fotografando i documenti con un cellulare e consegnando poi la nano sim contenente gli atti ai russi, in un parcheggio della periferia romana, a Spinaceto.

L’analisi

Spy story, si apre la sfida tra Mosca e Roma

Il suo legale ha chiesto al giudice di concedere gli arresti domiciliari all’indagato. Una richiesta osteggiata dalla procura di Roma. Il gip in giornata deciderà se convalidare o meno il fermo, ma considerando la scelta di Biot di avvalersi della facoltà di non rispondere è probabile che l’uomo resti in carcere, venendo trasferito nel penitenziario riservato ai militari, quello di Santa Maria Capua Vetere.



Go to Source