Stati generali M5S i risultati del voto online. Si allorgano collegiale alle alleanze e allelezione diretta della nuova leadership

Stati generali M5S, i risultati del voto online. Sì all’organo collegiale, alle alleanze e all’elezione diretta della nuova leadership

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Approvato. Il documento finale degli Stati generali, composto da 23 quesiti, ha ricevuto il via libera dalla base. In occasione dell’assemblea plenaria del Movimento 5 Stelle, il capo politico reggente del partito, Vito Crimi, ha elaborato una serie di domande a cui gli iscritti grillini hanno risposto online sulla piattaforma Rousseau. Il risultato è che tutti i quesiti hanno ricevuto l’approvazione, compresi quelli relativi all’istituzione di un organo collegiale che diriga il partito, l’elezione diretta di ogni singolo componente della leadership e l’ok alle alleanze dei 5 Stelle con altri partiti alle prossime elezioni politiche e amministrative. Inoltre, Claudio Cominardi, come proposto dal fondatore del Movimento Beppe Grillo, è stato eletto tesoriere dei pentastellati.
“La votazione conferma la voglia di cambiamento e la vitalità del nostro progetto e della nostra identità  politica. Sì a strutture sul territorio, sì a contratto chiaro con la piattaforma, sì a possibili accordi pre-elettorali con altre forze politiche sulla base dei programmi e coordinati a livello nazionale. Un’ampia maggioranza ha deciso, ora i critici cronici si adeguino. Il cambiamento dovrà essere interpretato da volti nuovi”, dice il 5 Stelle Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari costituzionali.

M5S, ecco il documento di sintesi degli Stati generali: limite dei due mandati, organo collegiale e trasparenza su voti e bilanci. L’addio della deputata Siragusa
23 Novembre 2020

Le alleanze
“Hanno partecipato alle votazioni – si legge sul Blog delle Stelle – da un minimo di 15.812 iscritti a un massimo di 17.154”. Due dei 23 quesiti erano rivolti al sistema di alleanze politiche. Agli iscritti è stato chiesto innanzitutto: “Possono essere autorizzati, prima o dopo le votazioni, accordi con altre forze politiche sulla base di idee, obiettivi e programmi condivisi?”. Il 78,1 per cento ha risposto a favore. Più alta la percentuale del secondo quesito, pari al 90,8%: “Sei d’accordo con la seguente affermazione: I contenuti e interlocutori di eventuali accordi, tenendo prioritariamente conto dei livelli territoriali, siano autorizzati a livello nazionale?”. Entrambi i quesiti, dunque, sono stati approvati e la base del Movimento ha dato il via libera a future alleanze.

M5S, dalla base il sì al governo giallorosso in Puglia: su Rousseau via libera all’ingresso nella giunta Emiliano
di Antonello Cassano 11 Dicembre 2020

L’organo collegiale e la leadership
Per gli iscritti grillini non c’è dubbio: il Movimento 5 Stelle deve essere guidato da un organo collegiale. Alla domanda sulla governance nazionale (“Sei d’accordo con la seguente affermazione: Le funzioni oggi attribuite al Capo politico siano trasferite ad un organo collegiale?”), i voti sono stati 16.655, di cui il 73,1 per cento sì e 26,9 per cento no.
E con una percentuale altissima vincono i sì anche ad un’altra domanda: “Sei d’accordo con la seguente affermazione: Tutti gli organi del M5s siano improntati, ove possibile, al principio di collegialità?”. In questo caso il 90,2 per cento si è espresso a favore, contro il 9,8 per cento di contrari.
Il contratto con Rousseau e le risorse
Il Movimento ha approvato anche l’idea del potenziamento dell’attuale struttura dei referenti territoriali a livello regionale. E un vero e proprio plebisicito (con l’87,2% dei voti a favore) ha acconsentito alla ridefinizione dei rapporti con il gestore della piattaforma Rousseau, l’associazione di Davide Casaleggio. D’ora in poi i rapporti con la piattaforma dovranno essere regolati da un apposito contratto di servizio o da un accordo di partnership.
Dalla votazione è poi emerso che la base del Movimento è stanca dei raduni online, perchè il 95,6% è favorevole alla creazioni di sedi fisiche. Approvata, inoltre, la gestione centralizzata delle risorse. Alla domanda “Finanziamento delle attività – Sei d’accordo con la seguente affermazione: Sia centralizzata la gestione delle risorse economiche e potenziato il sistema del finanziamento, chiudendo i vari comitati di scopo?”, hanno votato sì il 76,1 per cento e no il 23,9.



Go to Source