Stati Uniti, bambina scomparsa ritrovata nel sottoscala dei genitori biologici

Pubblicità
Pubblicità

È stata ritrovata dopo 2 anni e mezzo la piccola Paislee Shultis, scomparsa nel 2019 quando aveva 4 anni. Era nascosta nel sottoscala della casa del nonno, nello Stato di New York, trattenuta dai suoi genitori biologici che ne avevano perso la custodia. Gli agenti hanno trovato la bambina, in buono stato di salute, dopo un’ora di ricerche, grazie a una segnalazione avvenuta da una fonte non precisata.

La scomparsa di Paislee era stata segnalata nel luglio del 2019 dai suoi genitori affidatari. I sospetti delle autorità erano ricaduti subito sui genitori biologici, Kimberly Cooper di 33 anni e Kirk Shultis Junior di 32, ma nella loro casa non venne ritrovata nessuna traccia della bambina. Oltre due anni e mezzo dopo, in seguito all’informazione confidenziale, la polizia ha potuto emettere un mandato di perquisizione.

Usa, adozione negata a una coppia perché ebrea

Dopo un’ora di ricerche inconcludenti, uno degli agenti ha notato sotto le scale uno spazio costruito in modo anomalo.”Gli agenti hanno dovuto rimuovere molti dei gradini di legno, prima di intravvedere due piedini”, ha riferito la polizia di Saugerties. Paislee, 6 anni e mezzo, e la madre biologica Cooper erano ben nascoste in quello che le forze dell’ordine hanno descritto come un recinto “piccolo, freddo e umido”. Sottoposta ad accertamenti, la piccola è risultata in buone condizioni di salute e ora ritroverà la sua famiglia adottiva con la sorella maggiore.

Il proprietario dell’abitazione è il nonno paterno di Paislee, che si è rifiutato di collaborare. Lui e la coppia sono stati arrestati e incriminati per interferenza della custodia e messa in pericolo del benessere della bambina.  “Crediamo che a suo tempo qualcuno abbia informato i genitori che la bambina più grande era stata prelevata dal tutore legale e dai funzionari della contea. Ciò ha indotto i genitori a prendere Paislee e a fuggire con lei”, ha detto il capo della polizia di Saugerties, Joseph Sinagra, all’emittente statunitense WNYT.

Un urlo per liberarsi: l’esperimento di un gruppo di madri fa proseliti negli Usa

In un comunicato la polizia ha precisato che l’indagine è tutt’ora in corso e che procederà ad altri arresti di persone coinvolte nella scomparsa-rapimento di Paislee. Secondo il National Center for Missing and Exploited Children, organizzazione privata senza scopo di luco che si occupa di aiutare le ricerche dei bambini scomparsi e proteggere i minori da violenze e abusi, la maggior parte dei minori dichiarati scomparsi negli Stati Uniti viene trovata al sicuro dopo un periodo di tempo relativamente breve. Ma nei casi di sottrazione familiare mancano per un periodo di tempo più lungo, in media oltre 10 mesi.

Che cosa rischia l’America virata dai suoi demoni

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source