Stati Uniti, padre spara e uccide la figlia in casa pensando sia un ladro

Pubblicità
Pubblicità

Tragico incidente in Ohio: un uomo ha ucciso per errore sua figlia di 16 anni con un’arma da fuoco pensando che fosse un intruso in casa. I fatti risalgono a mercoledì mattina e sono stati resi noti dalla polizia. La ragazza è stata raggiunta dal proiettile nel garage.

In una telefonata registrata al 911, il numero di emergenza, si sentono il padre chiedere alla figlia ferita cosa stesse facendo ed entrambi i genitori implorare alla ragazza di restare sveglia. Inutile la corsa all’ospedale, dove la giovane è stata dichiarata morta. L’episodio è oggetto di indagine, per ora non è stata contestato alcun reato.

Il 7 dicembre scorso, a meno di due chilometri di distanza, erano stati uccisi in una sparatoria due bambini di 6 e 9 anni e un giovane di 22 anni. Secondo il rapporto della polizia di Columbus, si tratta del 202esimo omicidio del 2021 in questo agglomerato urbano di circa due milioni di abitanti. Con la pandemia, negli Stati Uniti, sono aumentati gli episodi di violenza con armi da fuoco: secondo il sito Gun Violence Archive, in tutto il Paese sono stati oltre 44 mila i morti dall’inizio dell’anno di cui 1.517 minori, ma il dato comprende anche i suicidi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source