Studentessa violentata a Milano in zona Bocconi, arrestato lo stupratore: l’ha avvicinata per una sigaretta

Pubblicità
Pubblicità

L’ha avvicinata con la scusa di chiederle da accendere, le ha offerto di fumare una sigaretta assieme. E poi ha abusato di lei. E’ accaduto a Milano, vicino alla sede dell’università Bocconi, dove una studentessa fuorisede di 20 anni è stata stuprata. La violenza sessuale è avvenuta nella notte tra il 5 e il 6 febbraio e adesso i carabinieri della compgnia Duomo hanno arrestato il presunto autore: è un ragazzo di origine marocchina di 29 anni, senza fissa dimora. 

Secondo la ricostruzione degli investigatori, dopo aver trascorso la serata in centro con amici, intorno alle 3 di notte, la ventenne stava aspettando il tram a una fermata di viale Bligny, non lontano dalla Bocconi. Ed è lì che è stata avvicinata dall’uomo con la scusa di una sigaretta. Poi è scattata la violenza, in via Rontgen, la via che costeggia l’edificio della Bocconi. A salvare la ragazza è stata una coppia di fidanzati 30enni che, rientrando a casa, si è accorta di quanto stava accadendo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source