185307770 e659715f 35cc 42f6 a59b ce9d19294549

Stupro di gruppo, chiesto rinvio a giudizio per Ciro Grillo e i 3 amici

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

185307770 e659715f 35cc 42f6 a59b ce9d19294549

Ciro Grillo, indagato con altri tre amici per stupro di gruppo, due giorni fa è stato interrogato dai carabinieri di Genova su delega della Procura di Tempio Pausania. Il figlio del Garante dei Cinque Stelle, assistito dal suo avvocato (il cugino Enrico Grillo) ha reso dichiarazioni spontanee e secondo quanto trapela ha ricostruito la sua versione dei fatti.Il giovane è stato ascoltato da un maresciallo del Nucleo Operativo della Compagnia di San Martino.

Hanno invece rifiutato l’interrogatorio gli altri due indagati che avevano chiesto di essere sentiti, Vittorio Lauria ed Edoardo Capitta. A quanto pare i loro avvocati difensori avrebbero gradito che a sentirli fossero il procuratore capo di Tempio Pausania, Gregorio Capasso, e il suo sostituto Laura Bassani. Francecso Corsiglia (il quarto indagato) invece non aveva avanzato alcuna richiesta dopo la chiusura del secondo Acip depositato il 3 maggio scorso e la cui scadenza è stata il 23.

I quattro giovani genovesi sono chiamati in causa per lo stupro di gruppo ai danni di Silivia, studentessa italo-norvegese, e la violenza sessuale contro la sua amica Roberta (entrambi i nomi sono inventati). I fatti si sono svolti nella villa di Beppe Grillo a Porto Cervo il 17 luglio del 2019.   



Go to Source