Stupro in collegio a Torino, la polizia ferma un sospettato

Pubblicità
Pubblicità

C’è un fermato per lo stupro in collegio avvenuto nella notte tra il 29 e il 30 ottobre a Torino. La vittima aveva fornito un identikit e indizi per risalire al suo aggressore. Aveva dichiarato che ad averla picchiata e poi violentata nella sua stanza della residenza universitaria Paolo Borsellino era stato un giovane dell’apparente età di 25 anni. La polizia ha individuato un uomo sospettato di essere l’autore dell’aggressione.

“Ho sentito bussare e ho aperto”, aveva raccontato la ragazza a chi l’aveva soccorsa dopo lo stupro. “Quando ho aperto ho visto quel ragazzo che non conoscevo e che si stava toccando in corridoio, con i pantaloni abbassati”, ha riferito la ragazza. Il giovane è entrato con forza nella stanza e ha aggredito la studentessa. L’ha presa a pugni, le ha stretto le mani al collo. Solo quando è uscito la vittima è riuscita a dare l’allarme.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source