103931388 26238088 aed0 4436 b717 b562c8bedc16

Suning chiude il calcio in Cina, il Jiangsu cessa ogni attività

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

103931388 26238088 aed0 4436 b717 b562c8bedc16

Il Jiangsu, squadra di calcio cinese del gruppo Suning, cessa ogni attività. A comunicarlo, con una nota ufficiale diffusa sulla piattaforma Weibo, è il colosso della distribuzione di elettrodomestici, che in Italia è proprietario dell’Inter. “A causa della sovrapposizione di vari elementi incontrollabili, il Jiangsu Football Club non può garantire efficacemente la continuazione dell’attività: da ora in poi, il Jiangsu Football Club si fermerà. L’attività di ogni squadra verrà cessata”, si legge. Non si ferma quindi solo la prima squadra maschile, vincitrice del campionato di Super League la scorsa stagione: lo stop delle attività riguarda anche la formazione femminile (campione nel 2019) e i settori giovanili. Il tentativo di Zhang di vendere il club alla cifra simbolica di 1 penny, con l’impegno a farsi carico di 67 milioni di debito, non ha prodotto risultati.

La situazione societaria dell’Inter

Lo scioglimento dello Jiangsu è conseguenza della profonda crisi di liquidità del gruppo Suning, che non riesce più a provvedere alla gestione ordinaria di molti suoi business laterali. “Chiuderemo e ridurremo le nostre attività irrilevanti”, aveva detto nei giorni scorsi il numero uno di Suning, Zhang Jindong. Ora si vedono le conseguenze del nuovo approccio. A pesare c’è anche la direttiva del governo cinese sul calcio professionistico domestico, che in questi anni non si è dimostrato redditizio e non ha saputo generare il coinvolgimento di pubblico atteso. Tutta la Super League soffre il drastico calo di ricavi nell’ultimo anno e le restrizioni del governo. La società che controlla i Tianjin Tigers, la Tianjin Teda, ha comunicato l’intenzione di interrompere gli investimenti nel club, secondo quanto riportato dai media locali.

Per quanto riguarda l’Inter, capolista in Serie A e oggi impegnata a San Siro contro il Genoa, fonti vicine a Suning precisano che non rientrerebbe fra le “attività irrilevanti”: il riferimento di Zhang sarebbe stato infatti al solo ambito cinese. Relativamente al club nerazzurro, Suning è in cerca di finanziatori. Due le ipotesi: un prestito fra i 150/200 milioni per arrivare a fine anno, oppure la cessione del club a un fondo.



Go to Source