Suppletive di Roma, oggi il voto. Sfida Matone-D’Elia con un occhio al Quirinale

Pubblicità
Pubblicità

Un occhio al Quirinale, l’altro alle urne del centro storico. Leader e parlamentari si incontrano, trattano per l’elezione del Presidente della Repubblica. Ma guardano anche alle Suppletive che domani indicheranno il nome del deputato destinato a prendere lo scranno lasciato vacante alla Camera dal sindaco Roberto Gualtieri. Un test in vista delle consultazioni per eleggere il capo dello Stato.

Si vota dalle 7 alle 23, senza il bisogno di mostrare il Green Pass e con lo spettro dell’astensionismo a rendere meno prevedibile l’esito di un match in altre occasioni dato per scontato. Il collegio Roma 1, tradizionalmente fortino del centrosinistra, questa volta è ballerino. Certo, può spostare gli equilibri la foto dell’ex magistrata e consigliera capitolina Simonetta Matone con Mauro Antonini, storico militante di CasaPound, pubblicata ieri su queste pagine. Ma la candidata leghista, sostenuta dal centrodestra, non lascia comunque sereni i vertici del Pd.

Il Nazareno ha puntato tutto su Cecilia D’Elia. Il segretario Enrico Letta e il suo predecessore, il governatore Nicola Zingaretti, si sono spesi in prima persona per la responsabile delle donne dem. Ieri, senza contare le telefonate e le mail, le chat piddine sono diventate un frullatore di inviti al voto. Segno che la scarsissima affluenza pronosticata alle urne impensierisce il Nazareno.

“Vince chi vota”, dicono deputati e senatori. Traduzione: la spunterà chi riuscirà a convincere più elettori, portandoli al seggio sfidando Covid, freddo e la prospettiva di una sfida che non vede schierati big. Le piste che portavano alla candidatura dello stesso Zingaretti e di Giuseppe Conte, ex premier grillino, sono tramontate in fretta.

Spazio, dunque, a una sfida al femminile. Un testa a testa in cui alla fine potrebbe rivelarsi decisivo il peso di Italia Viva. I renziani schierano Valerio Casini, consigliere comunale eletto tra le fila della lista civica Calenda. La sua candidatura – buono il bottino di preferenze conquistato alle ultime Comunali – rischia di incidere sul risultato degli altri due competitor. In particolare su quello di Cecilia D’Elia, si teme tra i dem capitolini.

A completare la rosa degli aspiranti onorevoli con il suo progetto civico c’è Lorenzo Vanni, proprietario dell’omonimo e stranoto caffè del quartiere Prati. “Avrà i voti del partito della Rai”, si scherza da giorni in Transatlantico. Per Potere al Popolo, invece, corre la giovane ingegnera Beatrice Gamberini. A 31 anni si presenta con un obiettivo preciso: “Non regaliamo un altro deputato al governo Draghi”. Già, perché domani in palio c’è un voto in più da giocarsi nell’elezione del prossimo presidente della Repubblica.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source