Svizzera, bocciato il referendum per vietare la sperimentazione sugli animali

Pubblicità
Pubblicità

Gli svizzeri hanno bocciato oggi un’iniziativa popolare per un divieto assoluto degli esperimenti su esseri umani e animali. Il testo è stato respinto da circa il 79% dei votanti. La proposta in esame era estremamente radicale: oltre a vietare ogni tipo di sperimentazione sugli esseri viventi, uomini o animali, proibiva anche l’importazione di prodotti sviluppati con questi esperimenti.

L’iniziativa è comunque ufficialmente archiviata essendo già stata respinta dalla maggioranza richiesta dei 26 cantoni della Confederazione.

La Svizzera è un paese con un’importante industria farmaceutica e numerosi istituti di ricerca. E già in altre tre occasioni gli elettori avevano respinto a larga maggioranza proposte in questo senso: nel 1985 con il 70%, nel 1992 con il 56% e nel 1993 con il 72%.

In Svizzera c’è già una legge molto severa in proposito, introdotta nel 2008. Per ogni esperimento di laboratorio è richiesta un’autorizzazione: i richiedenti devono dimostrare che i benefici della ricerca superano le sofferenze inflitte agli animali e che non esistono alternative alla sperimentazione animale. In media in Svizzera si fanno ogni anno esperimenti su 600mila animali, in maggioranza topi, ratti o uccelli, ma anche cani e gatti.

Gli svizzeri hanno inoltre bocciato il pacchetto di misure a favore dei media ed il referendum promosso dalla sinistra e dai sindacati per contestare l’abolizione della tassa di bollo sul capitale propri (circa il 63% di No). L’unico oggetto in votazione a livello federale approvato è l’iniziativa sul tabacco che ha ottenuto la maggioranza dei cantoni e circa il 56% di voti a favore. Gli svizzeri hanno accettato di proibire la pubblicità del tabacco nei siti a cui abbiano accesso bambini e adolescenti. In tal modo la Svizzera si allinea al resto dei Paesi europei, la maggior parte dei quali ha adottato già anni fa regole severe sulla pubblicità del tabacco.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source