Tasse, Musk lancia un sondaggio su Twitter: “Vendo il 10% di Tesla?”

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Elon Musk ha lanciato un sondaggio ai suoi followers di Twitter chiedendo se deve o no vendere il 10 per cento delle sue azioni Tesla. L’imprenditore ha assicurato che si atterrà ai risultati del sondaggio, qualunque sia il risultato.

A metà del pomeriggio a New York (e quindi in serata in Italia) oltre il 55% delle quasi 285 mila  persone che avevano votato, a poche ore dal lancio dell’iniziativa, gli suggerivano di vendere.

L’iniziativa parte ancora una volta da una discussione su Twitter, su come i ricchi evitino di pagare le tasse. Musk, che è la persona più ricca del mondo, possiede beni per il valore di 243 miliardi di dollari, ha dichiarato che l’unico modo per pagare le tasse per quanto lo riguarda era di vendere una parte del proprio stock azionario. La discussione era partita dalla legge che il presidente Usa Joe Biden intende varare per tassare i guadagni in Borsa dei super ricchi.

“Ultimamente si parla molto di guadagni non realizzati come mezzo di elusione fiscale, quindi propongo di vendere il 10% delle mie azioni Tesla. Sei d’accordo?”, twitta Musk. Secondo il Wall Street Journal, Musk possedeva alla fine dell’anno scorso circa il 22,4% delle azioni in circolazione della società.

I ricchi infatti, si è tornato a ragionare in questi giorni negli Stati Uniti, non sono tassati perché a differenza dei normali lavoratori non percepiscono salari. Ma si arricchiscono perché i loro beni aumentano di valore, e quindi sono in grado di acquistare altro e di arricchirsi ulterioremente senza che questo comporti pagare le tasse. Mentre se si vendono azioni ovviamente si realizza un guadagno tassabile: da qui la proposta di Musk.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source