Teatro Petruzzelli, il Comune di Bari non è proprietario: i giudici in Appello danno ragione alla famiglia. Il sindaco Decaro: “Il governo intervenga”

Pubblicità
Pubblicità

Il teatro Petruzzelli di Bari è di proprietà della famiglia Messeni Nemagna e non del Comune di Bari che dovrà restituirglielo, ma la famiglia dovrà a sua volta restituire allo Stato i costi della ricostruzione, pari a 46 milioni di euro.

E’ in sintesi quanto stabilito dalla Corte di Appello di Bari con un sentenza che ha accolto in parte il ricorso della famiglia, ribaltando la decisione dei giudici di primo grado.

Bari, l’ultima sentenza del tribunale: “Il teatro Petruzzelli è del Comune”. No alle richieste dei Messeni Nemagna

Con una seconda sentenza la stessa Corte ha dichiarato nullo il protocollo del 2002 che regolamentava i rapporti tra proprietà ed enti locali per 40 anni, accogliendo in questo caso il ricorso della Regione Puglia.

Petruzzelli di Bari, l’ex legale dei Messeni Nemagna chiede pignoramento per debiti

l sindaco di Bari Antonio Decaro “ha chiesto un incontro urgente al Governo” sulla vicenda del teatro Petruzzelli di Bari, dopo le due sentenze della Corte di Appello in base alle quali il teatro è di proprietà della famiglia Messeni Nemagna e il protocollo del 2002 è nullo. “La prima delle due sentenze – dice Decaro – pone il problema della restituzione dell’immobile alla famiglia. L’applicazione della stessa può determinare la sospensione delle attività della Fondazione e delle manifestazioni culturali già programmate nel teatro Petruzzelli”.

Trent’anni fa il rogo che distrusse il teatro Petruzzelli

“È arrivato il momento, così come da me più volte auspicato, di definire una volta per tutte l’intera vicenda con l’impegno del Governo”, incalza Decaro. “La nostra città – dice Decaro – ha già sofferto per troppi anni l’assenza del suo palcoscenico più prestigioso, e oggi questa pronuncia rischia di riportare Bari indietro di trent’anni, privandola non solo di una programmazione culturale finalmente all’altezza delle sue ambizioni, ma anche di una realtà che in questi ultimi anni è diventata un simbolo indiscutibile della nostra rinascita”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source