Telefonata Biden-Putin, così i due leader tentano di disinnescare la crisi ucraina

Pubblicità
Pubblicità

NEW YORK – È durata cinquanta minuti la telefonata tra Joe Biden e Vladimir Putin, la seconda conversazione tra i due leader in un mese, per cercare di trovare una “via diplomatica” sulla crisi ucraina. Un colloquio “soddisfacente”, stando al Cremlino, “serio e sostanziale” per la Casa Bianca, durante il quale il presidente statunitense ha ribadito che l’Occidente adotterà sanzioni su larga scala in caso di un’invasione russa in Ucraina, ma sottolineato che si conseguiranno “progressi sostanziali solo con la de-escalation”, mentre il leader del Cremlino ha ribattuto che nuove misure punitive sarebbero un “errore colossale” e preteso “risultati” sulla richiesta di “garanzie sulla sicurezza”.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi, poi 5,99€ per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source