222508216 6c9c3304 9132 481f 8fee b9582e97468c

Tennis, Internazionali; Sonego-Thiem: terzo set senza pubblico: c’è il coprifuoco. Berrettini ko con Tsitsipas, Djokovic e Nadal ai quarti

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

222508216 6c9c3304 9132 481f 8fee b9582e97468c

Nel giorno in cui il Foro Italico riapre le porte al pubblico, il torneo di Roma perde il migliore degli azzurri. Matteo Berrettini, numero 9 del mondo e del tabellone, è stato eliminato negli ottavi di finale del Masters 1000 in corso sulla terra rossa della Capitale. Il 25enne romano, reduce dalla finale persa a Madrid, si è arreso in due set al greco Stefanos Tsitsipas, numero 5 del mondo e del seeding, con il punteggio di 7-6 (3), 6-2. Il 22enne di Atene resta tabù per Berrettini, alla terza sconfitta in altrettanti confronti. Nel primo set l’equilibrio ha regnato sovrano e a decidere è stato il tie-break. Berrettini è salito prima 2-0 e poi 3-1 ma in quel momento ha accusato un passaggio a vuoto, si è innervosito per un doppio rimbalzo del greco non visto dal giudice di sedia e ha incassato sei punti di fila che hanno consentito a Tsitsipas di portare a casa il set. Nel secondo le percentuali al servizio del romano sono calate, Tsitsipas ha piazzato il break al terzo gioco, ha annullato due palle del controbreak ed è salito 3-1, che è diventato 5-2 quando il numero uno azzurro ha perso di nuovo il servizio. La reazione di Berrettini non è arrivata e così il greco si è preso la partita e un posto nei quarti. “Tsitsipas è stato più giocatore di me – ha detto Berrettini in conferenza stampa -. Nel secondo set ho servito peggio, facevo meno male. Nel primo penso di aver giocato bene. Le mie armi le ho usate come credevo e forse avrei meritato più di lui. Il doppio rimbalzo non visto? Per me era evidente, ma era difficile vederlo live. Io me ne sono accorto perché la pallina girava nell’altro senso. Sono sereno comunque, è un’episodio in un momento importante, difficile da digerire ma non ho perso per quello. Il secondo set è finito 6-2”.

Pubblico costretto a tornare a casa durante Sonego-Thiem

In serata è toccato all’ultimo azzurro in gara, Lorenzo Sonego, opposto al n. 4 del mondo, Dominic Thiem. Match di straordinaria intensità che il pubblico alle 21.30, dopo 2 ore e 15′ di battaglia ha dovuto abbandonare sulla situazione di un set pari a causa del coprifuoco che scatta alle 22. Qualche inevitabile fischio ma poi gli spettatori sono defluiti ordinatamente consentendo agli orginizzatori di sgombrare l’impianto. Dopo uno stop di circa 10′, i due giocatori hanno ripreso a duellare a tribune praticamente deserte.

Djokovic senza problemi

Ad attendere Tsitsipas c’è il numero uno del mondo Novak Djokovic. Il serbo, cinque volte vincitore al Foro Italico e detentore del titolo, ha liquidato in appena 70 minuti la pratica Alejandro Davidovich Fokina, con lo spagnolo battuto con un eloquente 6-2, 6-1. Di tutt’altro spessore la vittoria di Rafael Nadal. Lo spagnolo, nove volte vincitore a Roma, si è qualificato per i quarti (per la 16esima volta in 17 partecipazioni al Foro) al termine di una vera e propria battaglia con il canadese Denis Shapovalov. Il 34enne maiorchino si è trovato sotto 6-3, 3-1 (40-0) prima di rimontare e vincere 3-6, 6-4, 7-6 dopo aver annullato due match point. Nei quarti Nadal se la vedrà con il tedesco Alexander Zverev, che superato in tre set il giapponese Kei Nishikori con il punteggio di 4-6, 6-3, 6-4 in 2 ore e 52 minuti di gioco. Ai quarti anche l’americano Railly Opelka che ha superato 7-6 6-4 il russo Aslan Karatsev e se la vedrà con l’argentino Federico Delbonis, numero 64 Atp, che ha battuto il canadese Felix Auger-Aliassime, numero 21 del mondo, con il punteggio di 7-6, 6-1.

Covid, così il tennis vuole uscire dalla bolla

Il ritorno della gente sulle tribune

L’impianto è stato suddiviso in tre zone che non comunicano fra di loro, posti rigorosamente numerati, accessi e uscite separate. Tutti gli spettatori devono essere muniti di una mascherina FFP2. I posti, nel rispetto del distanziamento, sono più di 5000 (2.415 sul campo Centrale, 1.493 sulla Grand Stand Arena, 774 nello Stadio Pietrangeli e 590 sui Campi Secondari) per ogni sessione.



Go to Source