Tennis, Masters Miami: Sinner elimina Kyrgios e vola ai quarti

Pubblicità
Pubblicità

Jannik Sinner prosegue la sua corsa al Masters 1000 di Miami dove deve difendere i punti conquistati lo scorso anno quando arrivò fino in finale. Negli ottavi ha superato per 7-6 (7/3), 6-3 l’australiano Nick Kyrgios, n. 102 Atp, è si è guadagnato un posto tra i migliori otto. Ora se la vedrà con il vincente della sfida tra Cerundolo e Tiafoe, testa di serie n. 28.

Sinner più solido nel tie-break del primo set

Sinner inizialmente ha faticato al servizio: nei primi tre turni di battuta ha dovuto salvare due palle-break per rimanere in scia del rivale (3-3). Poi sul 4-3 è toccato all’australiano cancellare altrettante occasioni per il 5-3. Si è arrivati al tie-break in cui Kyrgios si è innervosito dopo aver fallito una comoda palla per l’1-1. Ha commesso un doppio fallo che ha lanciato l’azzurro avanti 5-2, ha subito un penalty-point dopo un duro battibecco con il giudice di sedia e ha finito per perdere per 7-3 il parziale.

Kyrgios paga caro un penalty-game

Kyrgios è andato ulteriormente in escandescenze, ha spaccato una racchetta e ha incassato un penalty-game che lo ha costretto a ripartire da 0-1 con Sinner al servizio. L’altoatesino, più sciolto e solido nei colpi, ne ha approfittato per involarsi sul 5-3 malgrado col passare dei game Kyrgios abbia ritrovato serenità e concentrazione. L’australiano ha provato a restare in scia fino in fondo ma al 9° game si è arreso al primo match-point mettendo fuori un dritto lungolinea.

Ai quarti anche Zverev

Ai quarti è approdato anche il secondo favorito del torneo, Alexander Zverev che ha piegato con un doppio 6-4 un altro australiano, Thanasi Kokkinakis. Ora affronterà il norvegese Casper Ruud, che ha battuto per 6-3, 6-4 il britannico Cameron Norrie.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source